RICETTE

HomeNewsFood & WineRicette

Per questo dolce va ringraziata la Madonna: storia (e ricetta) di un bignè tutto siciliano

La storia dietro l’origine della forma di questo dolce è davvero molto affascinante e celebra una delle battaglie più famose avvenute nell'Isola. Ecco come prepararlo

Valeria Cosentino
Food blogger
  • 24 novembre 2023

Per visualizzare questo video, dai il tuo consenso all'uso dei cookie dei provider video.
La città di Scicli, un gioiello barocco situato nella provincia di Ragusa, è celebre non solo per le sue architetture, ma anche per la sua tradizione culinaria. Tra le prelibatezze che caratterizzano questa città, spiccano i grossi bignè conosciuti come Teste di Turco. La loro grandezza non è l’unica caratteristica affascinante.

Questi bignè giganti sono farciti con una deliziosa crema di ricotta o crema pasticcera, abbracciata da uno strato croccante di pasta choux e zucchero a velo. Il contrasto tra la crosta croccante e la cremosità della crema è un vero tripudio di sapori.

Per far esaltare ancora di più il sapore di questo delizioso dolce, consiglio di gustarlo accompagnato da un buon caffè siciliano.

Qui le trovate in versione senza glutine e senza strutto.

Questa versione è stata sviluppata da me per soddisfare le esigenze delle persone che soffrono, come me, di intolleranza al glutine, permettendo loro di godere di queste prelibatezze senza rinunciare al gusto e alla golosità.
Adv
CURIOSITÀ
La storia dietro l’origine della forma di questi dolci è in realtà molto affascinante. Le Teste di Turco devono il loro nome alla loro forma caratteristica che ricorda il turbante dei Saraceni, sconfitti in battaglia dai Normanni nel 1091.

Secondo una leggenda la Madonna delle Milizie, invocata dagli eserciti cristiani durante le battaglie, apparve su un cavallo bianco con in mano una spada, per difendere la città e aiutando i Normanni a scacciare i Saraceni.

Grazie all’intercessione della Madonna e il suo aiuto divino, Scicli fu liberata. La festa della Madonna delle Milizie viene celebrata ogni anno l’ultimo sabato di maggio, coinvolgendo tutta la comunità locale che si dedica alla pianificazione di un suggestivo programma di eventi che evocano la battaglia tra i Normanni e i Saraceni.

INGREDIENTI
Farina mix per dolci Nutri Free 120 g. Uova 3 . Acqua 180 ml. Burro 50 g. Sale 1 cucchiaino da caffè. Zucchero 1 cucchiaino da caffè. Per la farcia: Ricotta di pecora 500 g. Zucchero a velo 100 g. Per decorare: Zucchero a velo q.b.

PREPARAZIONE DELLE TESTE DI TURCO DI SCICLI
Versate in un pentolino l’acqua, il sale e lo zucchero e portate a bollore. Aggiungete il burro, precedentemente tagliato a tocchetti, e fatelo sciogliere completamente. Togliete il pentolino dal fuoco, incorporate la farina tutta in una volta, mescolate bene con un cucchiaio o una spatola amalgamando bene tutti gli ingredienti. Una volta creata una palla rimettete la pentola sul fuoco per circa 1 minuto girando continuamente.

Mettete l’impasto in una ciotola, fatelo raffreddare un po’, aggiungete un uovo alla volta. Quando l’uovo si sarà amalgamato bene al composto aggiungete l’altro uovo. Mescolate bene, con forza ed energia, fino ad ottenere un impasto elastico.

Trasferite l’impasto in una sac-à-poche oppure in una pistola sparabiscotti e create dei grossi bignè direttamente sulla teglia, precedentemente foderata con carta da forno. Infornate in forno, precedentemente riscaldato, a 210° per 10 minuti, dopo abbassate la temperatura a 180° e proseguite la cottura per altri 10 minuti.

Al termine della cottura, spegnete il forno, aprite lo sportello del forno e fate stare le Teste di Turco per 3 – 4 minuti.

Permetterete così di far uscire l’umidità e farle rimanere croccanti. Nel frattempo che cuociono, preparate la crema di ricotta. In una ciotola lavorate la ricotta, sgocciolata dal siero, con lo zucchero a velo, fino a renderla cremosa. Una volta che i bignè si sono raffreddati, tagliateli a metà e farciteli con la crema di ricotta, messa all’interno della sac-à poche.

Coprite e spolverizzate con abbondante zucchero a velo. Sistematele su un piatto da portata..et voilà le Teste di Turco senza glutine sono pronte per essere gustate.

CONSIGLIO
Conservate i bignè in frigo
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

I VIDEO PIÙ VISTI