MOBILITÀ

HomeMagazineSocietàMobilità

Spostarsi con un click (finalmente) anche in Sicilia: Uber black arriva a Palermo e Catania

Da oggi il servizio di mobilità Uber Black è attivo anche in Sicilia. A Palermo e Catania sarà attivo anche Uber Van. Tutti i dettagli sul servizio e come funziona

Balarm
La redazione
  • 31 marzo 2022

Da oggi il servizio di mobilità Uber Black è attivo anche in Sicilia, a partire dalle città di Palermo e Catania. Dopo Milano, Roma, Bologna, Torino, Napoli e Firenze, Uber prosegue il proprio piano di espansione sul territorio nazionale estendendo il servizio, operato dai proprietari di autovetture e licenze NCC, in alcune delle principali province siciliane.

A Palermo e Catania sarà attivo anche Uber Van, per permettere agli utenti di viaggiare insieme fino ad un massimo di 4 persone, come previsto dalla normativa anti-Covid.

In totale sono 8 le città italiane in cui Uber è attiva con servizi per la mobilità: Uber Black disponibile a Roma, Milano, Bologna, Torino, Firenze, Palermo e Catania, e Uber Taxi a Torino e Napoli, riuscendo così a raggiungere circa il 25% del totale della popolazione italiana.

L’arrivo di Uber Black in Sicilia rappresenta un’ulteriore opportunità di mobilità per gli utenti nazionali e internazionali, sono 118 milioni gli utenti attivi sulla app nel mondo, apportando valore all'intero sistema dei trasporti nell'isola. Durante l'estate del 2021 è stata registrata una crescita delle sessioni in Sicilia del 200% - l’app di Uber è stata, infatti, aperta oltre 25mila volte (110 mila nel 2019) per richiedere una corsa.
Adv
Lorenzo Pireddu, Uber Head of Italy: “L’arrivo del nostro servizio Black a Palermo e a Catania, e in generale in tutta la Sicilia, rappresenta un ulteriore step nell’offerta dei nostri prodotti e servizi in Italia, ed è utile per la ripresa del settore del turismo, in quanto d’aiuto sia per gli utenti locali e nazionali sia per quelli internazionali. Il nostro obiettivo è quello di continuare a portare valore al sistema dei trasporti in tutta Italia, compreso il Sud come conferma l’annuncio di oggi, e permettere alle persone di viaggiare in modo affidabile e sicuro grazie alla nostra applicazione”.

I passeggeri potranno così beneficiare di tutte le funzionalità di Uber Black, come la possibilità di avere informazioni sull’autista, il modello dell’auto e conoscere il prezzo della corsa in anticipo, dividere il costo della corsa, visualizzare il percorso del proprio spostamento e, grazie al sistema di anonimizzazione, passeggeri e autisti potranno mettersi in contatto telefonicamente o via chat senza condividere il proprio numero di telefono, oltre alla possibilità di accedere al toolkit di sicurezza di Uber e ottenere assistenza in caso di bisogno.

Uber Black ha poi introdotto speciali misure in materia di Covid per proteggere passeggeri e autisti: obbligo per gli autisti di indossare la mascherina e relativo controllo tramite mask verification prima di andare on line; possibilità per gli autisti di annullare un viaggio senza alcuna penale qualora un cliente non indossi una mascherina o copertura per il viso; nuovo sistema di feedback per la segnalazione dei casi in cui un autista non indossi la mascherina.

Accedere a Uber Black è molto semplice:
Apri l’app di Uber
Scegli una destinazione
Scopri il prezzo finale in anticipo e conferma la corsa
Goditi il tuo viaggio e quando sarà ora di ritornare a casa, segui la stessa procedura.


Informazioni su Uber
La missione di Uber è creare opportunità attraverso il movimento. Abbiamo iniziato nel 2010 risolvendo un semplice problema: come ci si può spostare semplicemente con un click? Oltre 30 miliardi di corse dopo, continuiamo a lavorare per realizzare prodotti utili ad avvicinare le persone ai luoghi dove vogliono essere. Cambiando il modo in cui le persone, il cibo e le cose si muovono nelle città, Uber è una piattaforma che apre il mondo a nuove possibilità.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI