AMBIENTE

HomeMagazineSocietàAmbiente

Trovato l'accordo definitivo: Parco d'Orleans a Palermo diventerà un giardino zoologico

Si conclude, dopo quasi un decennio, il lungo contenzioso relativo al patrimonio faunistico di Parco d'Orleans a Palermo e ora lo spazio si prepara a riaprire al pubblico

Balarm
La redazione
  • 23 luglio 2020

Il parco d'Orleans di Palermo

Si conclude, dopo quasi un decennio, il lungo contenzioso relativo al patrimonio faunistico di Parco Orleans a Palermo. È stata, infatti, sottoscritta la transazione tra la presidenza della Regione Siciliana e la società “Salvatore Lauricella”. Un provvedimento che pone fine a tutte le controversie pendenti relative al trasferimento e alla custodia di centinaia di animali, uccelli e mammiferi, oltre che alla gestione del Parco stesso che avevano portato anche alla chiusura al pubblico.

A riconoscere la proprietà di una parte della fauna in capo alla società era stato, in primo grado, il Tribunale civile di Palermo nel 2018. La firma dell'accordo transattivo è arrivata dopo un parere positivo dell'Avvocatura distrettuale dello Stato di Palermo. Grazie all'intesa raggiunta, la società Lauricella ha già proceduto a depositare gli atti di rinuncia di tutte le cause pendenti.

«L'avere acquisito definitivamente, da parte della Regione, il prezioso patrimonio faunistico – commenta soddisfatto il governatore Nello Musumeci - ci consentirà di potere definire l'iter per ottenere la licenza di giardino zoologico da parte del ministero dell'Ambiente. Un'autorizzazione resasi necessaria fin dal 2005 e mai ottenuta. La pratica l'abbiamo già avviata e presto, quindi, con il giardino zoologico e botanico potremo riaprire il Parco Orleans e renderlo fruibile al pubblico».

Nel tempo tante sono state i tentativi di riapertura, fra cui anche un'idea di fruizione digitale come avevamo raccontato qui. Ora però la strada sembra finalmente in discesa.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI