AMBIENTE

HomeMagazineSocietàAmbiente

Un'altra super Luna accompagna le nostre notti: occhi al cielo per la "Luna dei Fiori"

L’evento sarà visibile anche in diretta streaming grazie alle riprese del Virtual Telescope Project che condividerà le emozionanti immagini con il resto del mondo

  • 6 maggio 2020

Un'immagine della Luna (foto Ponciano da Pixbay)

Una nuova super Luna accompagna l’inizio della fase 2 dandole il benvenuto, un altro spettacolo naturale che potremo ammirare dai nostri balconi e finestre di casa, l’ultima delle quattro lune piene che ci ha regalato questo bizzarro 2020 oltre a quelle già “andate in onda” nei cieli di tutto il mondo il 9 febbraio, il 9 marzo e l’8 aprile scorso.

Lo spettacolo astronomico è previsto per giovedì 7 maggio, in cui ai nostri occhi la Luna apparirà più grande, più piena e più luminosa del solito perché il satellite si troverà a 361.184 km di distanza dalla Terra (contro una media di 384.400 km).

Questa Luna al Perigeo di maggio (questo il termine tecnico usato in astronomia per indicare il fenomeno della “Super Luna”), oltre ad essere l'ultima dell'anno, ha una particolarità in più perché è anche conosciuta come “Luna dei Fiori”: si racconta infatti che la ribattezzarono così i nativi americani per rendere omaggio all’abbondanza di fiori e di vegetazione che nelle lande riprendevano il loro vigore proprio nel mese di maggio, dopo il rigido periodo invernale.



Per chi volesse seguirlo “più da vicino”, l’evento sarà visibile anche in diretta streaming grazie alle riprese effettuate dal Virtual Telescope Project che attraverso i propri canali riprenderà la “Flower Supermoon” mentre si alza sopra l'orizzonte direttamente dalla città di Roma.

Dalla pagina dedicata all'evento del sito ufficiale del Virtual Telescope si legge: «Supermoon è un termine popolare che indica una luna piena o una luna nuova che accade quando il nostro satellite è vicino al suo perigeo, ovvero la sua distanza minima dalla Terra. Il termine stesso non ha alcun valore scientifico: gli astronomi preferiscono chiamarlo perigeo luna piena, ma senza dubbio "Supermoon" è di gran lunga un nome molto più affascinante - commenta l'astrofisico Gianluca Masi, PhD, fondatore e direttore del Virtual Telescope Project.

Il Supermoon di maggio 2020 apparirà un po 'più luminoso e più grande di una luna piena media, ma gli osservatori casuali non lo riconosceranno a prima vista, queste non sono variazioni davvero ovvie, ma questo aggiunge fascino all'evento, una preziosa opportunità ammirare il nostro satellite naturale nel contesto del cielo notturno, un paesaggio sempre più trascurato e dimenticato».

Sperando quindi che per la serata si prospetti un cielo sereno e limpido, teniamo tutti lo sguardo puntato dritto al cielo e godiamoci lo spettacolo del nostro satellite sospeso sopra il leggendario skyline della Città Eterna, perché la prossima “Luna piena dei Fiori” è prevista per il prossimo 2021.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE