MUSICA & DANZA

HomeEventiMusica & Danza

Eduard Topchjan dirige Copland e Šostakovič: musica e ospiti d'eccezione al Politeama

  • Stagione concertistica Orchestra Sinfonica Siciliana 2019/20
  • Politeama Garibaldi - Palermo
  • Dal 24 al 25 gennaio 2020 (evento concluso)
  • Venerdì alle 21.00, sabato alle 17.30
  • Da 12 a 25 euro
  • Biglietti acquistabili presso il botteghino del Politeama Garibaldi (da lunedì a sabato 09.30-16.30, domenica 09.30-13.30) e da un'ora e mezza prima dell'inizio del concerto oppure online sul circuito Vivaticket. Info al numero 091 6072532
Balarm
La redazione

Il Coro Nazionale Armeno "Hover Chamber Choir"

Ventinove concerti in abbonamento, il concerto di Natale e quello di Capodanno, quattro concerti per famiglie e una stagione dedicata alle scuole: la 61esima stagione dell'Orchestra Sinfonica Siciliana, in programma da ottobre 2019 a maggio 2020 e a cura del direttore artistico Marcello Panni, profuma d'internazionalità (ne abbiamo parlato qui).

La San Pietroburgo e la New York di inizio Novecento si incontrano idealmente nelle composizioni di Dmitrij Šostakovič e Aaron Copland: l'armeno Eduard Topchjan dirige l'Orchestra Sinfonica Siciliana con gli ospiti d'eccezione Michail Ryssov (basso), Salvatore Magazzù (tromba), Maria Grazia D'Alessio (corno inglese) e il Coro Nazionale Armeno "Hover Chamber Choir".

Copland rivive sul palco del Politeama con "Quiet City per tromba, corno inglese e archi", concepita nel 1939 come musica di scena per un lavoro teatrale dell'allora 26enne Irwin Shaw, futuro sceneggiatore de "I giovani leoni" che vide protagonisti Marlon Brando e Montgomery Cliff.

Questa partitura di rara finezza ha per protagonisti il corno inglese e soprattutto una tromba le cui parti, che descrivano una forma di vagabondaggio, si stagliano su un tappeto sonoro costituito dall'orchestra d'archi in modo da far emergere il personaggio principale della commedia.

Come lo stesso Copland ebbe modo di affermare nella sua autobiografia «Il mio trombettista è semplicemente il tentativo di rispecchiare il travagliato personaggio principale della commedia di Irwin Shaw. Infatti una delle mie indicazioni per il trombettista è di suonare nervosamente. Ma "Quiet City" sembra essere diventata un’entità musicale a sé stante, che va oltre le ragioni originali della sua composizione».

Di altra suggestione è la Sinfonia n.13 in si bemolle minore "Babi Yar" per basso solista, coro maschile e orchestra di Dmitrij Šostakovič, ideata dal compositore russo a partire dal 1962 basandosi sul testo di Yevgeni Yevtushenko "Babi Yar".

Come affermò lo stesso compositore «in seguito che ho pensato di proseguire questo lavoro e di ricorrere ad altri testi del poeta. Il secondo movimento si basa sulla poesia "L'Humour", il terzo su "Al grande magazzino". Quanto alla poesia "Le paure", a cui si ispira il quarto movimento, Yevtushenko l'ha scritta espressamente per me, nel contesto di questa nuova opera».

«Per il finale, ho scelto "La carriera" […]. Queste poesie sono state pubblicate in epoche differenti e trattano problemi differenti. Ho voluto legarle per mezzo della musica. Ho dunque scritto una sinfonia al posto di una serie di pezzi isolati».

 

Politeama Garibaldi

Piazza Ruggero Settimo - 90139 Palermo
Vedi mappa

eventi consigliati