SOCIETÀ

HomeMagazineSocietà

Abbiate pazienza: chiude (anche) la parte alta di via Emerico Amari a Palermo

Entro il prossimo Natale via Emerico Amari dovrebbe essere liberata ma intanto vediamo come cambia la viabilità cittadina tra semafori lampeggianti e nuovi sensi

Giulio Di Chiara
Urbanista e progettista
  • 4 aprile 2018

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori

Il tratto interrotto di via Emerico Amari a Palermo segnato in rosso (foto Mobilita Palermo)

Stiamo entrando nel clou dei cantieri in centro, che si moltiplicano, si avvicinano, quasi entrano in contatto tra di loro: seguendo il futuro tracciato dell’Anello Ferroviario, che dal porto risalirà sino a Piazza Castelnuovo, anche le transenne e i mezzi della Tecnis si sposteranno più vicine al Teatro Politeama.

Da lunedì 9 Aprile chiuderà infatti un altro segmento di via Emerico Amari, nel tratto compreso tra via Principe di Scordia e via Roma.

Il Comune, con un'ordinanza del 30 Marzo 2018 ha autorizzato l’azienda esecutrice ad avanzare il cantiere per i prossimi otto mesi.

Entro il prossimo Natale comunque la via dovrebbe essere liberata. Ovviamente il condizionale è d’obbligo, le complicazioni sono dietro l’angolo.

Cosa cambia alla viabilità in zona? Il semaforo tra via Roma e via Emerico Amari risulterà sempre lampeggiante, quindi si procederà senza interruzioni.

Chi proverrà dalla Stazione Centrale avrà adesso a disposizione la svolta a destra su via Principe di Belmonte (lato mare) su cui verrà temporaneamente sospesa l’area pedonale, per raggiungere il porto e via Crispi.

Bisogna fare attenzione ai sensi di marcia perchè, come dicevamo all’inizio, i cantieri quasi si toccano. Su via Roma è intanto scattata la chiusura del tratto compreso tra via Cavour e via Bentivegna, a causa dei lavori per il collettore fognario (ecco dove ne parliamo).

Se soltanto si fossero rispettati i cronoprogrammi su via Emerico Amari, probabilmente oggi sarebbe scongiurato questo accavallamento di provvedimenti.

Il consiglio dunque è memorizzare queste modifiche per non rimanere impreparati alla guida. E avere pazienza.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE