ITINERARI

HomeMagazineTurismoItinerari

Camminare tra i tesori di storia e natura: due nuovi itinerari da fare a piedi in Sicilia

Un percorso accessibile ai disabili grazie al quale ammirare il tempio di Vulcano, "l'orto di Goethe", il bosco di mandorli, villa Aurea e ancora casa Barbadoro e le necropoli

Balarm
La redazione
  • 14 novembre 2019

Uno scorcio dell'area archeologica di Agrigento

Uno è culturale e l'altro è ambientale: due itinerari nuovi di zecca sono nati per meglio scoprire le meraviglie della Valle dei Templi di Agrigento.

Attraverso un percorso interamente accessibile alle persone disabili, si potrà ammirare il tempio di Vulcano, passando per casa Barbadoro e villa Aurea, fino al tempio della Concordia e raggiungere il santuario di Demetra per ammirare i Patriarca, antichi e giganteschi alberi d'ulivo e il Giardino Mediterraneo, il bosco di mandorli e ulivi immersi in una vegetazione tipicamente mediterranea.

Il circuito Paleocristiano è lungo 250 metri ed è stato realizzato con ben 330mila euro: attraversa l'ingresso della necropoli Fragapane e la necropoli Paleocristiana per concludersi in un'area relax attraverso un pergolato acqua nebulizzata. Il percorso è collegato con il tempio della Concordia, le sepolture circostanti, la necropoli Giambertoni, Casa Barbadoro e villa Aurea (per prenotare una passeggiata clicca qui).



L'itinerario ambientale permette di godere di tutte le bellezze e le rarità naturali dell'area: da Vulcano, dove sono stati restaurati due immobili che ospiteranno laboratori didattici sul paesaggio, si passa al Giardino della Kolymbethra per arrivare a Casa Barbadoro e al giardino di Villa Aurea per arrivare infine al Cardo I e Casa Sanfilippo.

Dopo aver superato l'area del cimitero Bonamorone si arriva al santuario di Demetra, una visita alla collezione di piante del Museo del mandorlo e delle altre specie tipiche dell'arboricoltura siciliana e al laboratorio del germoplasma tra gli studi sul patrimonio genetico delle specie e, inoltre, una visita guidata all'Orto di Goethe.

Un itinerario però on è ancora fruibile «Stiamo predisponendo il bando per affidarne la gestione - dice il direttore - Non è certamente un percorso che si può fare da soli, si tratta di un cammino di 5 chilometri che, però, abbiamo diviso in due».

Il progetto è realizzato con il contributo della Commissione Europea. Dei contenuti editoriali sono ideatori e responsabili gli autori degli articoli. La Commissione non può essere ritenuta responsabile per qualsivoglia uso fatto delle informazioni e opinioni riportate.

A pensarli e realizzarli direttamente il Parco archeologico e paesaggistico della Valle per rilanciare uno dei più grandi tesori archeologici della Sicilia, permetterà finalmente di apprezzare il paesaggio di questo luogo unico al mondo, dove i beni archeologici non sono affatto disgiunti dalla natura e dall'ambiente che li circonda.

ARTICOLI RECENTI