VIAGGI

HomeMagazineTurismoItinerari e luoghi

Chi vuole andare ad Approdo del Re? I voli (diretti) per Dubrovnik, perla della Croazia

Non solo Trono di Spade: la città in italiano si chiama Ragusa e vanta un centro storico di particolare importanza e che figura nell'elenco dei Patrimoni Unesco

Balarm
La redazione
  • 25 ottobre 2019

La città vecchia di Dubrovnik (Approdo del Re)

C'è un nuovo collegamento aereo tra Palermo e Dubrovnik (già puoi comprare il biglietto) a partire da luglio 2020: a lanciarlo è la compagnia Volotea, che ha presentato la rotta nel corso di una conferenza stampa nel capoluogo siciliano. Il volo parte una volta alla settimana, per un totale di 3.100 posti, i biglietti come detto sono già acquistabili sul sito di volotea

La città vecchia di Dubrovnik è stata parecchio cercata come meta turistica dai fan del Trono di Spade in quanto nella serie è Approdo del Re: a Dubrovnik si trova quindi il trono ufficiale dei re di Westeros, circondato da grandi e robuste muraglie di pietra e drammatiche rupi.

Nel mondo de "Il Trono di Spade", Approdo del Re appare in ogni episodio e, sempre qui, si trova la Fortezza Rossa (Fortezza di Lovrijenac) ai confini di Dubrovnik che porta un’iscrizione antica che dice “La libertà non si vende neanche per tutto l’oro del mondo”.



Sempre qui si trova la misteriosa Casa degli Eterni (Torre Minčeta): è situata vicino alle già menzionate muraglie di Dubrovnik e rappresenta anche il simbolo di quanto sia forte ed inespugnabile la città.

Non solo Trono di Spade: la città in italiano si chiama Ragusa (in croato Dubrovnik) ed è una città della Croazia meridionale di 42 641 abitanti, capoluogo della Regione raguseo-narentana e affacciata sul Mare Adriatico, nella Dalmazia meridionale.

La città, che ha lungamente mantenuto la propria indipendenza, vanta un centro storico di particolare importanza storica e culturale, che figura nell'elenco dei Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco e che le ha valso il soprannome di "Perla dell'Adriatico".

La città fu fondata originariamente su un'isola rocciosa con il nome di Ragusium nella prima metà del VII secolo da abitanti della vicina città di Epidaurum (l'attuale Ragusa Vecchia, che dista 18 km) in fuga dalle invasioni degli Slavi e degli Avari. Caduta Costantinopoli durante la IV Crociata (1204), Dubrovnik passò sotto il dominio della Repubblica di Venezia, seppur con brevi interruzioni, fino al 1358, quando ottenne l'indipendenza.

Durante il periodo di appartenenza alla Repubblica di Venezia, Dubrovnik mutuò da quest'ultima il proprio assetto istituzionale. Da tale anno diventò la capitale di una repubblica marinara indipendente, la Repubblica di Dubrovnik, fino all'arrivo delle truppe napoleoniche nel 1808, dopo di cui fu annessa prima al Regno d'Italia napoleonico e successivamente alle Province illiriche.

Assegnata definitivamente all'Impero austriaco con il Congresso di Vienna (1815) fu integrata nel Regno di Dalmazia, sotto il dominio diretto degli Asburgo. Nel 1919, dopo gli eventi legati alla prima guerra mondiale, tra cui la disgregazione dell'Impero austriaco passò al Regno dei Serbi, Croati e Sloveni, poi diventato Regno di Jugoslavia. In seguito alla dissoluzione della Jugoslavia, e alla successiva guerra d'indipendenza croata, Dubrovnik entrò a far parte del nuovo Stato indipendente della Croazia.

Grazie alla sua secolare storia, che ha lasciato anche un'importante presenza architettonica e artistica, Dubrovnik è diventata una delle principali mete turistiche dell'Adriatico, come testimoniato anche dalla tipologia di traffico che passa dal suo porto marittimo, che è principalmente crocieristico.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI