ITINERARI E LUOGHI

HomeMagazineTurismoItinerari e luoghi

Cose da vedere una volta nella vita: lungo la "via Santa" fino all'Eremita di Monte Gallo

La sua costruzione è di origine borbonica, eppure soltanto nell’ultimo decennio ha acquisito sempre maggiore fama grazie a Isravele, l'eremita che vive lì dentro

Balarm
La redazione
  • 20 novembre 2021

Vi portiamo con questo video realizzato da Carmelo Di Salvo al semaforo dell’Eremita, nome con cui è conosciuto il semaforo di Monte Gallo, e situato in cima alla Riserva Naturale di Capo Gallo a Palermo.

La sua costruzione è di origine borbonica, eppure soltanto nell’ultimo decennio ha acquisito sempre maggiore fama.

Come suggerisce il suo nome, il semaforo non è disabitato: all’interno di esso vive un uomo di nome Nino, ribatezzatosi Isravele, che ha deciso di condurre una vita da eremita.

"Faro di Dio" è il nome che Isravele ha dato al semaforo, "via Santa" alla via per raggiungerlo. Il semaforo di Monte Gallo è stato totalmente messo a nuovo da Isravele che l’ha impreziosito con mosaici realizzati con frammenti di vetro, bottiglie e conchiglie.

La sua non è solo un’opera estetica, ma un omaggio a Dio e alla sua creazione.

L’intento di Isravele è quello di realizzare un vero e proprio santuario all’interno del quale elevare la propria anima a Dio. Di carattere religioso sono infatti le iscrizioni e le scene rappresentate; onnipresente è l’immagine della stella a sei punte simbolo dell’ebraismo.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

VIDEO RECENTI