ECONOMIA

HomeMagazineTerritorioAttualità

Decreto "Cura Italia": le ultime informazioni dell'Inps per accedere agli aiuti previsti

Le pratiche di aiuti e rimborsi saranno gestite dall'Istituto di previdenza che, in un articolo pubblicato sul suo sito internet, spiega come si dovrà fare a chiedere gli aiuti

Balarm
La redazione
  • 23 marzo 2020

foto Pixbay

Il decreto Cura Italia firmato dal Governo per contrastare la crisi economica dovuta all'ondata di Coronavirus entre nel vivo. Le misure riguardano i congedi, i lavoratori autonomi, i voucer babysitter e altre categorie di lavoratori.

Le pratiche di aiuti e rimborsi saranno gestite dall'Inps che, in un articolo pubblicato all'interno del suo sito internet, spiega come si dovrà fare a chiedere gli aiuti. Nello specifico, l'istituto di previdenza spiega che non ci sarà una finestra entro la quale chiedere gli aiuti, quindi è inutile allarmarsi.

Ci sarà invece un giorno di inizio per la presentazione dell domande. Ecco il comunicato integrale dell'Inps.

«L’Inps è pronto ad attuare tutte le misure previste dal decreto Cura Italia. L’Istituto si trova a gestire 10 miliardi di euro, in poche settimane, per circa 11 milioni di utenti tra Cassa Integrazione e gli altri strumenti di sostegno al reddito. Uno sforzo più grosso di quello che lo scorso anno lo ha visto impegnato sul Reddito di Cittadinanza e Quota 100, sia in termini di risorse economiche che in termini di utenti.



Si precisa che non c’è nessun click day, inteso come finestra dentro la quale si possono fare domande di prestazioni. Le domande saranno aperte a tutti e ci sarà un giorno di inizio, con un click. Su questa formula, che sarà spiegata meglio a tutti gli utenti, c’è stato purtroppo un grande fraintendimento.

Il congedo parentale per i lavoratori dipendenti è già attivo: ad oggi l’Istituto registra circa 100mila richieste di congedo con periodi dal 5 marzo.

Le procedure per la Cassa Integrazione, sia quella ordinaria che in deroga, sono consolidate e ulteriormente semplificate.
I congedi per la Gestione Separata, gli autonomi, e i cinque indennizzi per professionisti e co.co.co, lavoratori autonomi, turismo, agricoli e spettacolo, saranno operativi nei prossimi giorni.

Le procedure e la domanda per il bonus babysitter sono in fase di avvio».

ARTICOLI RECENTI