INIZIATIVE

HomeMagazineTerritorio

Dedicato a chiunque entri: la navetta gratuita che gira per l'Ateneo di Palermo

Il servizio di navetta è dedicato a studenti, dipendenti e visitatori ed è totalmente gratuito: questa e altre iniziative di sostenibilità per l'Università di Palermo

Balarm
La redazione
  • 2 luglio 2019

Uno scorcio della cittadella universitaria di Palermo

Sono state inaugurate le "iniziative di sostenibilità" e il nuovo servizio di bus navetta al Campus Universitario di Palermo in viale delle Scienze: il servizio di navetta è dedicato a studenti, dipendenti e visitatori ed è totalmente gratuito e consente, in coincidenza con gli arrivi dei treni del servizio ferroviario metropolitano operato da Trenitalia, di raggiungere gli edifici posti all’interno del campus, sede di aule ed uffici.

L’itinerario si snoda lungo la viabilità interna del varco di via Brasa sino ai varchi di accesso al nodo "Basile" dove si attestano numerose linee di trasporto pubblico urbano offerte da Amat.

Il servizio è garantito da due bus a basso impatto ambientale, dotati di pedane mobili per disabili, che percorrono l’itinerario con una frequenza di 10 minuti e una copertura di 10 ore giornaliere, dal lunedì al venerdì.

«Siamo particolarmente orgogliosi di potere dare il via a questi servizi di mobilità e di sicurezza all’interno del Campus – commenta il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari – la loro attivazione è un traguardo considerevole che abbiamo fortemente voluto e che fa seguito alla stipula dell’atto di transazione con la concessionaria del servizio di parcheggio».

«Questo accordo – continua - ha consentito di chiudere un’annosa e dolorosa vicenda iniziata nel lontano 2009 e prevede la disattivazione del servizio di parcheggio a pagamento e la conseguenze riappropriazione delle aree di Viale delle Scienze da parte dell'Ateneo. Il nostro obiettivo – conclude il Rettore – è quello di rendere gli spazi della nostra Università sempre più sicuri, sostenibili e facilmente raggiungibili».

L’accordo concluso con la concessionaria prevede anche l’installazione di 30 telecamere di videosorveglianza per aumentare la sicurezza degli utenti dotate di una tecnologia avanzata che utilizza algoritmi di tipo Deep Learning per rilevare e classificare persone e veicoli, escludendo altri oggetti in movimento, riducendo il numero di falsi allarmi.

articoli recenti