CINEMA

HomeMagazineLifestylePersonaggi

E come per magia Atanus riappare: il mago palermitano interpreta se stesso al cinema

È stato la star indiscussa dei cartomanti televisivi dell’era del 144, pioniere di una schiera di replicanti dei teleconsulti. Il mago Atanus, al secolo Achille Sidoti, sarà il protagonista di un film di prossima uscita

Balarm
La redazione
  • 20 ottobre 2021

Achille Sidoti, conosciuto come mago Atanus

Il giovane, e già acclamato, regista siciliano Leandro Picarella torna sul grande schermo con il film, tanto atteso, "Divinazioni".

L’attesa è ancor più accentuata dal fatto che protagonista di questo racconto cinematografico è un personaggio molto conosciuto a Palermo ovvero Achille Sidoti, per tutti il celeberrimo mago Atanus.

Attraverso uno sguardo tra realtà e finzione, il film, come si legge nel pressbook, accompagna lo spettatore in una dimensione in cui si fondono fede, senso del sacro e superstizione.

Il mago Atanus, infatti, è stato star indiscussa dei cartomanti televisivi dell’era del 144, pioniere di una schiera di replicanti dei teleconsulti che per oltre un ventennio hanno trasmesso dalle reti private italiane. “Divinazioni” è, dunque, il ritratto inedito di un uomo con i segni e le cicatrici di un passato tra galera, truffe, televisione e cartomanzia, ma è anche un viaggio fisico e spirituale nel Sud.



Nel film gli altri contributi artistici sono dati dalle musiche di Ulisse Mazzagatti e dei Fratelli Mancuso, oltre alla partecipazione straordinaria del puparo Mimmo Cuticchio che recita alcune parole di Empedocle, sullo sfondo delle preziose immagini in Super8 dell’archivio della Cineteca Sarda.

La pellicola è ambientata al Sud, ovviamente, un Sud ancora ricco di magia.

Non è una dimensione visibile ma una sensazione misteriosa e nascosta che avvolge ogni uomo e ogni cosa e che si rivela nelle storie parallele di Moka, un giovane artigiano di origini marocchine e di Achille, un vecchio cartomante reso un tempo celebre dalle tv regionali.

Moka, ispirato nel sogno dalle parole di Empedocle, scruta e sperimenta nel cuore di una fonderia i segreti della trasformazione dei metalli. Achille, invece, ritorna alla vita civile dopo un lungo periodo di detenzione, fortemente motivato a reinserirsi in società.

Dovrà fare i conti con i suoi problemi di salute e soprattutto con un'umanità ormai totalmente trasformata ma che si rivolge ancora a maghi e cartomanti per risolvere i propri problemi o per rincorrere il colpo di fortuna.

Il film esce nella sale martedì 26 ottobre e verrà presentato, per l’occasione, a Palermo, al cinema Rouge et Noir, alle ore 20.30; in sala il regista e il protagonista Achille Sidoti.

Introdurrà il film il regista Jonas Carpignano reduce dal successo alla Quinzaine des Réalisateurs a Cannes con “A Chiara”. Il film è prodotto da Qoomoon e Rai Cinema in co-produzione con Les Films d’Ici Méditerranée.

Finalista ai Nastri d’Argento Doc 2021, dopo essere stato selezionato in prestigiosi festival nazionali e internazionali tra cui Festival dei Popoli 2020, IDFA Documentary Film Festival Amsterdam 2020 e Trieste Film Festival 2021 risultando vincitore del Premio Tënk Europe, il film arriva nelle sale italiane co-distribuito dalla casa di distribuzione indipendente Reading Bloom e dal PostModernissimo di Perugia.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI