CINEMA

HomeMagazineCultura

Il palermitano Gabriele Gravagna vince a Foggia con un docufilm che rompe gli schemi

Il documentario racconta la la storia di Dine, Magassouba e Omar, tre minori stranieri non accompagnati sbarcati a Palermo dopo un viaggio terribile

Giuliana Imburgia
Giurista e fashion addicted
  • 29 novembre 2018

Il film “Io sono qui” del giovane regista palermitano Gabriele Gravagna si aggiudica il primo premio come miglior documentario al "Foggia Film Festival", che si è appena concluso e che si è svolto dal 18 al 24 novembre.

Affronta il tema della difficile condizione dei migranti che arrivano sulle nostre coste raccontando la storia di Dine, Magassouba e Omar, tre minori stranieri non accompagnati sbarcati a Palermo dopo un viaggio terribile.

La serata di premiazione dell'ottava edizione del festival, ha visto trionfare il palermitano Gravagna con il suo documentario “Io sono qui” come miglior pellicola della categoria "Social experience".

«Sono felicissimo - dice Gabriele - é stato un ennesimo grande risultato che si accoda al grande successo che il documentario ha riscosso al "Los Angeles Film Awards" dove ha ottenuto il riconoscimento come "Best Short Documentary", e che mi rende davvero orgoglioso».

Il tema concorsuale che ha visto vincere il regista palermitano era finalizzato a promuovere la nuova cinematografia attraverso tematiche di estrema attualità: ambiente, lavoro, parità di genere, legalità, disabilità, bullismo, integrazione, cultura della pace, non violenza e della tolleranza.

Il docufilm si é aggiudicato il primo premio dalla giuria (presieduta dall’attore e regista Paolo Sassarelli) con la lodevole motivazione “per il linguaggio diretto, semplice ed empatico, capace di abbassare le barriere del pregiudizio e aumentare la consapevolezza di quel che ci accade intorno, senza mai scadere nella banalità”.

«Il documentario che ho realizzato - continua Gabriele - è un altro importante passo che va ad aggiungersi ad un percorso iniziato nel 2017 alla Festa del Cinema di Roma e che proseguirà con una tappa certa in Grecia al Peloponnisos International Documentary Festival, a Gennaio 2019».

Il film (scritto e diretto da Gabriele, prodotto dal collettivo On The Road Again Pictures e realizzato con il patrocinio del Comune di Palermo).

«Grazie ad un programma di Unicef Italia e l'associazione Asante Onlus - spiega Gabriele - il film è stato proiettato in molte scuole d'Italia con l'obiettivo di mettere in discussione gli stereotipi sull'immigrazione e mostrare alle nuove generazioni il volto reale e umanissimo dei ragazzi che arrivano in Italia e in Europa nella disperata ricerca di un'opportunità per il futuro».

ALTRI VIDEO