MOBILITÀ

HomeMagazineTerritorioMobilità

Il problema di Palermo è il traffico? Ora c'è una nuova strada per arrivare a Mondello

Dopo essere stata realizzata era stata chiusa e utilizzata come parcheggio dei residenti, ora l'inaugurazione. Slitta invece l'avvio della Ztl nella borgata marinara

Vassily Sortino
Giornalista
  • 30 luglio 2020

Via Palinuro a Mondello (foto Facebook Associazione Pedonalizziamo Mondello)

Una piccola grande opera. Ma talmente piccola che è stata presentata davvero come se fosse grande. È stata una maledizione per diverse quinquennali amministrazioni comunali tutto ciò che si muove intorno a via Palinuro.

Una strada come tante della borgata di Mondello, che però aveva la caratteristica di essere allo stesso tempo, sulla carta fondamentale per il transito delle automobili, ma di fatto senza uscita.

Già, chiusa e utilizzata come parcheggio dei residenti. E questo blocco impediva di fatto di collegare via Mondello e via Galatea, costringendo così tutto il traffico delle auto a sfogarsi lungo viale Regina Elena. Da qui il mito del “tappo di via Palinuro”.

Tutto questo è cambiato da oggi, con l’inaugurazione in pompa magna che ha visto partecipare tutto il gotha dell’amministrazione comunale, per l’apertura di una semplice strada. Strategica sì, ma, in sostanza, solo una strada. O, meglio ancora, un piccolo tratto di collegamento tra due strade.



I lavori, iniziati nel 2018 - dopo anni e anni di carte bollate, centinaia e centinaia di servizi nelle pagine dei quotidiani e decine di servizi televisivi – sono andati avanti a singhiozzo tra intoppi burocratici, revisioni varie e interruzione da isolamento covid. Adesso, con lo “stappo” di via Palinuro, le due strade sono collegate e la viabilità della zona dovrebbe diventare urbanisticamente più funzionale.

Tutto finito allora? Non proprio. Perché dovrà scattare una “fase due” made in Mondello. Perché lo “stappo” di via Palinuro è stato per anni la scusa, o più precisamente il “feticcio”, per i commercianti e i residenti della borgata marinara, per osteggiare l’idea di una isola pedonale in grado di potere trasformare il lungomare di Mondello, ma anche una sua parte, in una isola piccola Beverly Hills auto-free.

Per non parlare del provvedimento per una Ztl tra piazza Mondello e via Piano Gallo. Ipotesi che fino a oggi sono state di fatto osteggiate e che non vedono più alcuna scusa per non andare avanti.

Eppure, nonostante restino ancora un paio di mesi estivi e forse più di caldo a disposizione, almeno fino al 2021 vedremo le auto “stagnare” – perché bastano poche decine di mezzi a creare traffico, tappo o non tappo – sul lungomare.

L’assessore alla mobilità Giusto Catania vorrebbe provarci a settembre. Le associazioni della borgata marinara non vogliono limiti almeno fino a dopo Ferragosto. Insomma, anche quest’anno sarà la solita vecchia Mondello, con una strada “stappata” in più.

Per la ztl vedremo più avanti.

ARTICOLI RECENTI