ARTE

HomeMagazineCultura

"L'Annunciata" fa le valigie e parte per una mostra a Milano, ma qualcuno dice No

L'opera di Antonello da Messina, inamovibile per decreto regionale dell’assessorato regionale ai Beni Culturali, è in partenza per una mostra a Palazzo Reale

Balarm
La redazione
  • 11 febbraio 2019

Annunciata, di Antonello da Messina. Particolare

Si è aperto un sonoro dibattito a Palermo sulla sua partenza per Milano, la città è divisa tra chi dice che è un'opera d'arte delicata e fragile e quindi non dovrebbe affrontare questo viaggio e, dall'altro lato, c'è chi dice che non bisogna avere una visione provinciale dell'arte e che quindi è giusto che venga esposta nella capitale della Lombardia per permetterne la visione e fruizione a quanta più gente possibile.

"L'Annunciata" di Antonello da Messina, che molti paragonano, per bellezza e importanza, alla Gioconda, partirà per una mostra che si terrà a Milano interamente dedicata al pittore siciliano che sarà inaugurata il 21 febbraio a Palazzo Reale. Il presidente della Regione Nello Musumeci che prima aveva vietato il viaggio all'opera d'arte ha fatto dietro front e alla fine ha acconsentito alla partenza della preziosa e delicatissima tavola del 1475, in legno di 45 per 34 centimetri.

Erano già favorevoli alla partenza dell'opera - secondo gli accordi già presi con l'organizzazione della mostra, Mondomostre - sia Sebastiano Tusa, assessore regionale ai Beni culturali, che Evelina de Castro, direttrice del museo di Palazzo Abatellis.

La Regione siciliana ha posto tre condizioni per prestare a Milano "L'annunciata". L'assessore regionale dei Beni culturali, Sebastiano Tusa, ha sottoposto alla giunta la proposta di vincolare il trasferimento temporaneo dell'opera, custodita a Palazzo Abatellis, alle condizioni che: la concessione avvenga in regime di reciprocità, da parte del Comune di Milano, alla nostra Regione, di un adeguato numero di prestigiose opere d'arte.

In secondo luogo, un significativo ritorno mediatico per la Sicilia attraverso una mirata opera di promozione che passi, nell'esposizione di Milano, per l'immagine dell'Annunciata di Antonello da Messina, veicolata attraverso il catalogo e significative azioni di valorizzazione. Infine, occorre che venga garantita alla Regione la partecipazione agli introiti dell'evento che si terrà nel capoluogo lombardo.

«L'opera è considerata dal 2013 inamovibile per decreto regionale emanato dal 2009 dall’Assessorato regionale ai Beni Culturali, - dichiara Alfio Lisi, portavoce di Free Green Sicilia SOS Beni Culturali - Vorremmo fare sapere a chi decide sulla sorte delle opere d’arte siciliane di alto valore che dal dopo guerra il Louvre non fa viaggiare né presta l’opera star del museo e la più visitata al mondo, ovvero la Gioconda, che resta esposta senza interruzione di continuità e senza rincorrere alcun inutile rischio così come gli Uffizi non prestano le opere pittoriche di Leonardo anche in quanto, tra l’altro, inserite anche queste dal 2009 una nella lista delle opere inamovibili dai loro musei».

articoli recenti