SOLIDARIETÀ

HomeMagazineTerritorioAttualità

La bellezza di poter essere utile: un giorno a Palermo come "volontario della spesa"

Il Comune e la Protezione Civile partiranno con la distribuzione di generi alimentari alle famiglie che ne hanno fatto richiesta, intanto si è già attivata la Caritas

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 6 aprile 2020

Alessia Rotolo e Francesca Leone

Quando si è abituati a fare parte di associazioni che si occupano di territorio e che provano a migliorare le condizioni della comunità di cui fanno parte e arriva la quarantena a causa di un virus e si è costretti a rimanere in casa sebbene fuori si percepisca forte che c'è bisogno di aiuto, si sente forte la sensazione di frustazione e impotenza.

Da quando è nato, ormai quattro anni fa, faccio parte di un comitato di quartiere che si chiama Sos Ballarò, che prova ad attirare l'attenzione su quella parte di città che punta sull'integrazione e sulla bellezza di una storia millenaria conservata tra mille vicoli. Poi c'è la forza intrinseca e autentica di un mercato popolare dove ogni giorno si celebra la vita tra abbanniate e frutta fresca, monumenti e ristoranti, africani e palermitani.

Con la quarantena tutti sono costretti a casa, anche chi vive alla giornata, e qui a Palermo sono in molti quelli che faticano a mettere sulla tavola il pranzo e la cena. Il Comune e la Protezione Civile partiranno con la distribuzione di generi alimentari alle oltre 12mila famiglie che ne hanno fatto richiesta, intanto la Caritas coadiuvata da diverse associazioni si è attivata per tamponare la situazione di forte crisi.



Così si è riusciti a distribuire nei giorni scorsi, 55 pacchi spesa a famiglie indigenti che abitano nel quartiere Albergheria, contenenti beni di prima necessità, in totale sono state raggiunte duecento persone.

Si è fatto un lavoro enorme tutto grazie ai volontari, si sono raccolti i dati di tutte le famiglie intrecciando quelli di tutte le associazioni che lavorano sul territorio con quelli della Caritas, si è stilata una lista di gente bisognosa in base ai componenti dei nuclei familiari, attivata una raccolta fondi.

E poi via con la parte operativa: lista della spesa, acquisto con tre macchine, divisione dei prodotti e poi distribuzione.

Tutta questa operazione è stata effettuata grazie ai volontari, che hanno messo le macchine a disposizione, hanno trovato mascherine e guanti, fatto spesa, raccolto i soldi, coinvolto quante più persone possibili: un lavoro faticoso.

Anche io ho partecipato alla distribuzione della spesa insieme alla mia compagna di avventura Francesca Leone, noi abbiamo distribuito dieci pacchi spesa per famiglie con due componenti e due di queste avevano dei figli.

Dopo venti giorni di cattività, uscire fuori con uno scopo preciso e nobile come quello di portare cibo a chi ne ha bisogno mi faceva commuovere, rivedere alcuni amici è stata una forte emozione e anche se non ci siamo potuti abbracciare, lavorare tutti insieme per la distribuzione di beni di prima necessità è stato come se lo avessimo fatto più e più volte.

Valeria mi ha dato dei guanti monouso, Francesca una mascherina, abbiamo caricato il furgone che Francesca usa per lavorare e siamo partite alla volta delle famiglie.

Ci hanno aperto stupiti in pigiama e con le vestaglie: quando non riuscivamo a trovare una famiglia perché il basso non aveva il numero civico giusto si è attivato il passaparola, e con 4 abbanniate da un balcone ad un altro siamo riusciti a consegnare la spesa a tutti.

Quanta soddisfazione in un gesto che, diciamolo chiaramente, è servito forse più a noi volontari che alle famiglie perché come disse Sofocle: "L'opera umana più bella è di essere utile al prossimo".

Da quando è partita la raccolta fondi "Un banco del sorriso" (ne abbiamo parlato qui), sono già stati donati 3.724 euro che serviranno a regalare questa settimana altri 150 pacchi con cibo, materiali di cancelleria e didattici, alle bimbe e ai bimbi del quartiere.

È possibile inviare le proprie donazioni a
Kala Onlus
Iban IT 51J0 5018 0460 0000 0113 17443
Banca Etica

CONTATTI
unbancodelsorriso@gmail.com
3408611035 (Valeria) - 3205554589 (Daniela)

ARTICOLI RECENTI