NATALE

HomeMagazineCulturaArte

La magia delle luci che risplendono dalla spiaggia: a Mondello il presepe è subacqueo

Sul molo di via Gallo e nelle acque antistanti è stata allestita una singolare Natività che sarà visibile anche nelle ore notturne grazie ad una particolare illuminazione

Enrico Alagna
Medico e attivista
  • 4 dicembre 2019

Il presepe subacqueo di Mondello visto dall'alto

A Mondello il presepe è subacqueo; un paesaggio davvero incredibile quello che accoglie la Natività allestita da Nino Parrucca, noto artigiano di ceramiche palermitano. Da 20 anni circa, tutte le prime domeniche di dicembre si assiste alla posa nelle acquee di Mondello delle statuine in ceramica raffiguranti la nascita di Gesù. La posa delle statuine in ceramica avviene nelle acque antistanti il molo di Via Gallo.

Si tratta di 15 statuine poste in acqua e 2, alte da 30 a 50 centimetri, poste sul molo di via Gallo, raffiguranti un angioletto e Santa Rosalia, alla quale Nino Parrucca e la sua famiglia sono molto devoti. Quest'anno le statuine sono state benedette dal parroco di Mondello, Salvatore Corsaro. I subacquei hanno così rinnovato quella che è ormai una tradizione, organizzata dal Sea Club e dal Rotary Club Palermo Teatro del Sole. L’installazione sarà visibile anche da terra e sarà illuminata nelle ore notturne.

Ma torniamo al presepe (o presepio): è una rappresentazione della nascita di Gesù, che ha avuto origine da tradizioni medievali, inizialmente italiana. L'usanza di allestire il presepio è diffusa oggi in tutti i paesi cattolici del mondo. Le prime fonti per la raffigurazione del presepe sono i 180 versetti dei Vangeli di Matteo e Luca, cosiddetti "dell'infanzia", che riportano la nascita di Gesù avvenuta al tempo di re Erode, a Betlemme di Guidea, piccola borgata ma sin da allora nobile, perché aveva dato i natali al re David. Molti elementi del presepe, però, derivano dai Vangeli apocrifi e da altre tradizioni, come il protovangelo di Giacomo, noto anche come Vangelo dell’Infanzia di Giacomo.

Il presepe tradizionale è una complessa composizione plastica della Natività di Gesù Cristo, allestita durante il periodo natalizio; molti lo compongono il giorno dell’Immacolata, l’8 dicembre. Vi sono presenti statue formate di materiali vari e disposte in un ambiente ricostruito in modo realistico. Vi compaiono tutti i personaggi e i luoghi della tradizione: la grotta o la capanna, la mangiatoia dov’è posto Gesù bambino, i due genitori, Giuseppe e Maria, i magi, i pastori, le pecore, il bue e l’asinello e gli angeli.

La statuina di Gesù Bambino viene collocata nella mangiatoia alla mezzanotte tra il 24 e il 25 dicembre, mentre le figure dei magi vengono avvicinate ad adorare Gesù nel giorno dell’ Epifania. Lo sfondo può raffigurare il cielo stellato oppure può essere uno scenario paesaggistico. A volte le varie tradizioni locali prevedono ulteriori personaggi. Per tradizione, il presepe si mantiene sino al giorno dell'Epifania, quando si mettono le statuine dei Re Magi di fronte alla Sacra Famiglia.

Esiste anche un altro modo per allestire il presepio: si tratta del presepe vivente, in cui agiscono persone reali; di origine medievale, ha avuto negli ultimi decenni in Italia una notevole diffusione.

Ma torniamo adesso al creatore di questo presepe subacqueo, Nino Parrucca. Figlio d'arte, sin dalla tenera infanzia viene iniziato al mondo dell'artigianato nella bottega dei genitori, realizzatori dei famosi carretti siciliani. Il marchio Nino Parrucca viene creato nel lontano 1965, anno di nascita della ditta Ceramiche Nino Parrucca.

Questa azienda nei suoi 54 anni di esistenza vanta nel proprio organico numerosi primati e successi. Fra i più importanti a livello mondiale, ricordiamo la partecipazione al concorso di artisti indetto a Washington nel '99, per la realizzazione di un simbolo rappresentativo del nuovo millennio. Su trentamila partecipanti, il piatto "Vivere Insieme" realizzato dall’azienda Parrucca, è arrivato tra i 20 finalisti ed è stato consegnato, durante una cerimonia solenne, all'allora presidente Bill Clinton.

Nel 1998, la Gioventù Francescana ha commissionato Una Croce di Sant'Andrea regalata a Papa Giovanni Paolo II, talmente apprezzata da essere conservata nelle Sale Vaticane. In seguito Nino Parrucca stesso ha regalato anche un piatto a sua Eminenza. Nel 1997 è stata realizzata una statua ad altezza d'uomo di Santa Rosalia, patrona della città di Palermo. Questa statua è stata immersa nelle acque dell'Arenella e sarebbe ancora lì se non fosse stata danneggiata a causa di atti vandalici.

ARTICOLI RECENTI