TEATRO

HomeMagazineCulturaTeatro

La Stagione "eroica" del Teatro Biondo di Palermo: il ritorno in scena in 3 luoghi della città

Dopo 7 mesi di chiusura, il Biondo di Palermo riapre il sipario per una Stagione estiva che prende il via il 4 giugno e che si snoda in tre diversi spazi. Il programma

Balarm
La redazione
  • 11 maggio 2021

Pamela Villoresi nei panni di Frida Kalho nello spettacolo "Viva la Vida"

Dopo sette mesi di chiusura, il Teatro Biondo di Palermo riapre il sipario per una Stagione estiva che prende il via il 4 giugno a Palazzo Chiaramonte Steri.

Una Stagione "Eroica" che la direttrice del Biondo Pamela Villoresi dedica alla città, ai lavoratori dello spettacolo e al pubblico, a chi ha saputo resistere in questi difficili mesi di sospensione.

«Eroici siamo tutti noi che abbiamo coltivato la vita sotto la lastra di ghiaccio del sipario chiuso – spiega Villoresi –, tutte le nostre produzioni sono andate in prova, mentre i numerosi lavori in streaming sono stati forieri di prossimi debutti; abbiamo dato vita a un teatro di ascolto e abbiamo dato voce alle parole che altrimenti sarebbero rimaste a rimbalzare nel silenzio delle stanze chiuse, soprattutto quelle dei nostri più giovani concittadini, esiliati dai loro istituti scolastici».

Grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo, con l’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e con l’Assessorato alle Culture del Comune, la rassegna estiva del Biondo avrà luogo in tre spazi suggestivi ed evocativi, che interagiranno con le drammaturgie dei sei spettacoli in programma: Palazzo Chiaramonte Steri, sede del Rettorato universitario; Palazzo Belmonte Riso, sede del Museo regionale d’arte contemporanea; e l’Atrio della Biblioteca Comunale di Casa Professa.



«Il ritorno all’attività di spettacolo in presenza, alla vigilia dell’estate – afferma il Presidente del Biondo, Giovanni Puglisi – ci offre una straordinaria opportunità, quella di poter realizzare un teatro diffuso nel territorio. Se in questo momento gli spettatori hanno difficoltà ad andare a teatro, il teatro va dagli spettatori, nel cuore di Palermo, in tre luoghi istituzionali di grande suggestione».

«Questa stagione estiva – dichiara il sindaco Leoluca Orlando – conferma il ruolo e la missione del Teatro Biondo come punto di riferimento per Palermo città del teatro. Una conferma che ancora di più viene dalla programmazione diffusa in luoghi simbolici della città, della sua storia e della sua cultura».

Per Alberto Samonà, Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, «il teatro dal vivo è il ritorno a una normalità riconquistata. È il recupero degli spazi di libertà che la stessa essenza dell’espressione teatrale porta con sé».

Secondo l’Assessore alle Culture di Palermo, Mario Zito: «l’avvio delle attività estive del Teatro Biondo con un ricco calendario di spettacoli diffusi nella città, in un momento in cui appare “sospesa”, si inserisce in un arduo percorso della cultura a Palermo che in questo periodo di pandemia non si è mai interrotto, cercando il più possibile di mantenere un costante dialogo con gli artisti e con il pubblico».

«Il Teatro Biondo – sostiene Fabrizio Micari, Rettore dell’Università di Palermo – è un partner di eccellenza per fare rete nel territorio, che ci accompagna per rafforzare il nostro impegno di disseminazione educativa e culturale. Questa sinergica collaborazione ha portato anche all’attivazione del primo curriculum universitario italiano dedicato alla recitazione, alla regia e alla drammaturgia per il Corso di laurea in “Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo».

La Stagione "Eroica" prende il via il 4 giugno allo Steri con la prima nazionale di "A noi due", ovvero "Le menzogne della notte" di Gesualdo Bufalino, con la drammaturgia e la regia di Giulia Randazzo; in scena Vincenzo Pirrotta, Paolo Briguglia, Matteo Francomano, Mauro Lamantia, Giuseppe Lino e il musicista Alessandro Librio, autore di una partitura musicale e sonora che il pubblico ascolterà in cuffia.

A noi due, infatti, è un’esperienza teatrale innovativa, nella quale lo spettatore è posto al centro di un processo immersivo ispirato al romanzo di Bufalino, un percorso esperienziale pensato per gli spazi dello Steri. Lo spettacolo è in replica fino al 13 giugno.

A seguire, dal 15 al 20 giugno, il cortile dello Steri ospiterà "Il misantropo" di Molière nella messa in scena di Fabrizio Falco, reduce dalla prima nazionale di Trieste del 26 maggio.

Il 29 e 30 giugno il palcoscenico del Biondo si spostaa Palazzo Belmonte Riso, sede del Museo regionale d’arte contemporanea, dove Pamela Villoresi e Mario Incudine interpreteranno La Sicilia come metafora, omaggio a Leonardo Sciascia e agli autori siciliani, con la partecipazione dei musicisti Michele Piccione e Antonio Vasta.

Sempre nel cortile di Palazzo Riso, dal 3 all’11 luglio, andrà in scena la prima italiana di Bengala a Palermo, un grande affresco di teatro, musica e danza incentrato sulle storie della vasta comunità indiana di Palermo. L’autrice Daniela Morelli e il regista Marco Carniti hanno raccolto ed elaborato i racconti della comunità, in particolare di una famiglia bengalese, ed hanno realizzato una drammaturgia polifonica che sarà interpretata da Lucia Sardo, Mario Incudine, Erika Urban, Luigi Tabita, Aurora Cimino, Priyanka Datta, Bandjougou Diawara, Alexsia Edman, Jean-Mathieu Marie, Salvatore Lupo, David Marzi, Giuseppe Provinzano.

La Stagione estiva del Biondo proseguirà nell’Atrio della Biblioteca Comunale di Casa Professa, dal 15 al 20 luglio, con la ripresa di "Viva la vida", lo spettacolo di Gigi Di Luca basato sull’omonimo romanzo di Pino Cacucci che racconta la vita e l’arte di Frida Kahlo, le cui recite erano state interrotte a causa della pandemia.

La Stagione si conclude, dal 23 al 25 luglio nell’Atrio della Biblioteca Comunale, con Squarci d’autore, una messa in scena basata sui testi degli studenti delle scuole medie superiori di Palermo e Provincia, raccolti dal Biondo nei mesi del lockdown ed elaborati dagli allievi registi, drammaturghi e attori della “Scuola di recitazione e professioni della scena”.

Non è previsto servizio di vendita dei biglietti nei luoghi degli spettacoli. Le prevendite online e al botteghino del Teatro Biondo iniziano il 18 maggio.

Gli abbonati che hanno rinunciato al rimborso o che sono in possesso dei voucher della stagione 2019-2020, hanno la priorità nella scelta degli spettacoli fino al 27 maggio e fino ad esaurimento dei posti disponibili.

I possessori della card “Quasi Eroi” possono convertire la stessa in voucher. Informazioni e prenotazioni al botteghino e all’Ufficio promozione.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI