INIZIATIVE

HomeMagazineCultura

Le periferie rinascono con la street art: Tellas a lavoro in via Messina Marine a Palermo

È composta da elementi floreali e minerali l'opera che decora via Messina Marine, "Terra e Mare": è di Tellas, uno street artist considerato tra i più interessanti al mondo

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 14 giugno 2018

Lo street artist Tellas al lavoro a Palermo per il progetto "Terra - Mare"

Dal 10 giugno lo street artist Tellas è al lavoro per realizzare un murales composto da elementi evocativi floreali e minerali e che rappresenta un ponte immaginario che unirà il centro storico di Faenza e la periferia di Palermo, con un unico obiettivo: riqualificare le aree dimenticate.

L'artista nasce a Cagliari nel 1985 ed già nel 2014 era considerato dall’edizione americana dell'Huffington Post tra i 25 street artist più interessanti della scena mondiale.

"Terra e Mare" è il nome del progetto che ha trovato prima posto nel centro storico di Faenza (via Mura Mittarelli 34, sulla facciata principale di un magazzino) e adesso nella periferia di Palermo.

Si trova infatti sulla parete di fronte al complesso di case popolari tra via G. Bennici e via M. Adorno, di fronte all'Ecomuseo del Mare di via Messina Marine.

Quest’anno la collaborazione tra l’Associazione Skip la Comune di Palermo e Distretto A di Faenza permetterà a Tellas, il vincitore, di realizzare un'opera doppia che dialoghi con le due città, un ponte attraverso i 1256 km di distanza tra le due città.

«Per noi riqualificare le periferie non è un gesto legato solamente all’aspetto architettonico della città - spiega Skip Valguarnera, organizzatore - ma è un’azione che parte dall’arte per raggiungere la società e la vita delle persone che vivono in queste aree urbane».

«Questo è solo il primo passo di una serie di collaborazioni con Faenza e altre realtà - continua - per formare un ponte, non solo virtuale, fatto di scambi culturali».

Per partecipare questo progetto palermitano totalmente autofinanziato, Tellas si è aggiudicato l’Urban Art Contest 2018: il bando internazionale dedicato al street artist che con il loro intervento contribuiscano alla riqualificazione della città.

Il non facile lavoro dei giurati ha riguardato la disamina di 51 proposte provenienti anche da Francia, Germania, Grecia, Catalogna, Paesi Bassi, Spagna, Ukraina, Brasile, U.S.A., Canada, Messico ed erano inclusi lavori anche di altri noti artisti nel panorama dell’arte urbana come Mattia Campo Dall’Orto, Fabio Petani, Marco Teatro, Truly Design, Fijodor Benzo, Mirko Dadich, Domenico Melillo oltre a due gruppi proposti da Memorie Urbane.

Quest’anno è stata la collaborazione tra l’Associazione Skip la Comune di Palermo e Distretto A di Faenza a permettere a un artista come Tellas, il vincitore, di realizzare l'opera doppia.

La collaborazione Palermo - Faenza nasce dall' amicizia pluriennale con Gianmaria del Distretto A - spiega Danilo Alongi, organizzatore - insieme abbiamo deciso di mettere in connessione le due città attraverso la Street Art che per la sua accessibilità, può e deve essere il giusto mezzo per la valorizzazione degli spazi urbani ed in particolare delle periferie».

La ricerca dello street artist Tellas è la derivante di un’estetica non urbana: il suo lavoro è una rielaborazione della sua visione intima degli elementi compositivi del paesaggio naturale.

Tutti i suoi lavori sono concepiti come degli studi, analisi prodotte poi su diversi supporti: grandi superfici murali, carte o anche tele e installazioni.

L’opera-doppia “Terra e Mare” viene terminata il 16 giugno e presentata alla città in occasione dell’evento MEI giovani, organizzato per la Festa della Musica.

articoli recenti