LA RECENSIONE

HomeMagazineCulturaCinema

Da una delle guerre dimenticate

L'interpretazione di Willis e compagni è nel complesso buona. Niente scene d'amore né sparatutto alla Rambo riescono a trasmettere allo spettatore la giusta suspence

  • 5 dicembre 2003

Tears of the Sun
Usa 2003
Azione
Di Antoine Fuqua 
Con Bruce Willis, Monica Bellucci, Cole Hauser

In Nigeria durante la guerra civile, al comandante A.K. Waters (Bruce Willis) ed ai suoi uomini, un corpo speciale non meglio precisato dell'esercito Usa, viene affidato il compito di recuperare la dottoressa Lena Kendrike (Monica Bellucci) impegnata, per conto di Médecins sans Frontières, a soccorrere le vittime della guerra civile. Il film è abbastanza scorrevole ed equilibrato e mostra le atrocità della guerra senza mai scadere nel macabro. Le scene di combattimento sono abbastanza realistiche (ottimo il disimpegno degli americani mentre scappano dai ribelli utilizzando tecniche di guerriglia realmente impiegate dai corpi speciali). Sullo sfondo la foresta pluviale nigeriana. Molto buona la fotografia che accentua il contrasto tra i meravigliosi paesaggi e la guerra e la miseria che insanguinano il continente africano.

L'interpretazione di Willis e compagni è nel complesso buona. Niente scene d'amore né sparatutto alla Rambo rendono il film piacevole e riescono a trasmettere allo spettatore la giusta suspence. La Bellucci è però mediocre e non regge il gap professionale con Willis: anche la sua bellezza indiscutibile non riesce ad essere valorizzata in un contesto drammatico che non può mettere in risalto le sue forme. Lo scontro tra i ribelli musulmani e i soldati occidentali è di grande attualità ed il regista lascia intelligentemente e saggiamente intuire allo spettatore che si tratta di una sporca guerra che nulla ha a che fare con la religione. Il finale non presenta colpi di scena con i  protagonisti  stremati  dalle difficoltà della fuga e  realisticamente lascia in bocca quel gusto amaro dell’impotenza di fronte alle tante guerre del nostro tempo alimentate da grossi interessi economici e di potere.

ARTICOLI RECENTI