MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

Duo Tesi-Muratori: sonorità e poetica

“AUT AUT”, un progetto che reclama uno spazio tutto italiano per una musica ed una canzone che ha buona memoria

Balarm
La redazione
  • 10 marzo 2004

La chitarra acustica, l’organetto diatonico, la voce: un micro-cosmo di sonorità e poetica, per curiosare tra i generi musicali, superandone i limiti e i confini. Riccardo Tesi e Carlo Muratori, in concerto giovedì 11 marzo alle ore 21 al teatro Al Convento di Palermo (via Castellana Bandiera 66) sono due fra i musicisti più rappresentativi della etno-musica italiana, collaborano da tempo per i loro rispettivi progetti artistici. Provengono dalla ricerca sul campo delle musiche di tradizione orale, e dalla loro re-invenzione. Hanno al loro attivo circa vent’anni di attività concertistica e discografica. Vivono, non a caso, in due regioni già storicamente ed indissolubilmente legate da comune destino letterario, poetico e musicale, la Toscana e la Sicilia. È stato del tutto naturale che un giorno decidessero di incontrarsi per suonare insieme le loro cose.

E così, sospinti nel viaggio da relitti idiomatici che provengono da un passato remoto e cullati da curve melodiche che attraversano l’apparente scorrere del tempo, nasce “AUT AUT”, un progetto che reclama uno spazio tutto italiano per una musica ed una canzone che ha buona memoria; che è folk per il coraggio di non rinnegare i modelli espressivi e linguistici delle culture minoritarie delle regioni italiane; e nello stesso tempo respira e si nutre di provocazioni e stimoli contemporanei. L’ingresso al concerto, organizzato dall'associazione Città dell'arte in collaborazione con Pino Apprendi, vice presidente vicario del Consiglio comunale di Palermo, è libero.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI