SOLIDARIETÀ

HomeMagazineTerritorio

Emergenza freddo a Palermo: come aiutare i senza tetto

Continua il freddo a Palermo e Comune, associazioni e volontari si attivano per dare ristoro e sostegno ai senza tetto: indumenti, cibo, accoglienza in nome della solidarietà

  • 10 gennaio 2017

L’ondata di gelo continua e la città di Palermo si organizza per ospitare, soccorrere, dare sostegno e ristoro alla persone senza tetto, a chi ha deciso o è costretto dalle circostanze a vivere in strada.

Sono tante le associazioni che per affrontare l'emergenza freddo operano in attività coordinata con il Comune di Palermo: dopo una riunione con l'assessore Agnese Ciulla, infatti, insieme ai volontari si è deciso di mettere a disposizione un numero (091.6733432) per distribuire e smistare le richieste di soccorso e per qualsiasi segnalazione a supporto delle persone senza fissa dimora, definendo così anche un calendario settimanale.

Si tratta di realtà che quotidianamente, e al di là dell'emergenza, intervengono per soccorrere i più bisognosi e che in questi giorni hanno potenziato il loro operato raccordandosi tra loro: una rete organizzata per evitare un inutile sovraccarico di lavoro e confusione, un "raccordarsi con l'esistente" come specifica Aldo Mellini, il presidente dell'associazione LeAli.

Il lunedì opera la Comunità di Sant'Egidio, Gli Angeli della notte, LeAli; il mercoledì lavora l'associazione Rotariania Francesca Morvillo onlus, il giovedì Anas, mentre il venerdì la Croce Rossa Italiana, e ancora il sabato Anirbas e la domenica Cammino d'amore.

In particolare, Gli Angeli della notte raccoglie indumenti e alimenti: per abbigliamento e scarpe il punto di raduno è ogni lunedì alle 21 in via Gianfilippo Ingrassia, ogni martedì alle ore 21.30 sul marciapiede di fronte la Stazione Notarbartolo. Gli alimenti vengono invece distribuiti direttamente al centro mensa di via Bevignani 64 (previo avviso), grazie anche al supporto di molti ristoranti di Palermo che sostengono l'associazione donando l'invenduto della giornata o cucinando appositamente.

LeAli, in collaborazione al Parco Uditore Palermo, organizza una raccolta di coperte e giacconi. I volontari sono operativi tutti i pomeriggi dalle ore 15.30 alle 17.00 fino a sabato 14 gennaio presso l'infopoint del Parco Uditore (ingresso piazzale Einstein).

Come spiega Mauro Faso, l'associazione Rotariania Francesca Morvillo mette a disposizione ogni mercoledì un furgone con docce per garantire il servizio a circa 15 utenti, circa 90 e più pasti caldi completi e, inoltre, grazie alla collaborazione di professionisti ha attivato un servizio di screening medici itineranti.

Ogni mercoledì, dalle ore 17 alle 18.30 (orario soggetto ad eventuali variazioni), offre un ricambio d'abiti ai senza tetto, oltre a sostenere altre realtà solidali che operano sul territorio palermitano, grazie alla gestione di un magazzino sito in piazza XIII Vittime 37 dove raccoglie indumenti donati da cittadini operosi.

Cammino d'amore dà supporto da più di due anni per il servizio in strada e organizza una ronda serale, sabato 14 gennaio dalle 18 in poi: l’appuntamento è in via Gaetano di Pasquale 9. Per informazioni è possibile chiamare il numero 338.1478299. Anche il Centro Astalli Palermo organizza la raccolta degli indumenti, fornisce servizi e vestiti ai senza tetto e alle comunità migranti.

Arci Porco Rosso, dopo la raccolta di indumenti, continua la distribuzione nel quartiere di Ballarò e lancia anche un appello per chi voglia contribuire a questa comune azione di solidarietà contattanto il numero 338.7903324.

Nel frattempo anche Casa di Paolo ha dato la disponibilità per ospitare fino a otto persone per l'emergenza freddo, offrendo piccoli gesti di conforto: tè caldo, latte caldo e quanto altro possa servire all'interno della struttura dotata di cucina e bagni. Per informazioni è possibile contattare il numero 328.4629110 o il 373.7467377. Allo stesso modo, anche la Missione di speranza e carità di Biagio Conte quotidianamente accoglie ed assiste circa 800 persone grazie all'operato dei missionari.

ARTICOLI RECENTI