SOLIDARIETÀ

HomeMagazineTerritorio

"La Spiga d'Oro": il pane invenduto a chi ne ha bisogno

Siamo sempre più abituati alle brutture, ma il mondo non è solo grigio e pioggia: dal cuore di Palermo arriva l'iniziativa del panificio "La Spiga d'Oro" per i più sfortunati

Fabio Ricotta
Giornalista e imprenditore
  • 30 novembre 2015

L'atmosfera natalizia non è e non dovrebbe certamente essere segnata soltanto dalla frenesia dello shopping e dall'ossessione per i regali più alla moda. Per cristiani e non, il Natale dovrebbe essere un momento che va oltre alla superficialità.

Forse proprio perché, si sa, a Palermo l'ondata festiva arriva con quasi un mese d'anticipo, dalla città arrivano anche storie di bellezza che lasciano ancora sperare in un futuro più roseo e più solidale.

Proprio in questi giorni il Panificio "La Spiga d'Oro" di via Tommaso Natale 220 ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook che è immediatamente divenuto virale per la sua indiscutibile bellezza.

«A te che stai attraversando un periodo brutto.... a te che hai famiglia da sfamare.... a te che non arrivi a fine mese.... non umiliarti!!! La sera dalle 20.00 alle 21.00 passa da noi, ti mettiamo a disposizione il non venduto di pane-pizza-rosticceria-foccacce ed altro... il nostro gesto è solo un piccolo contributo volontario alla tua vita!!!»

Queste le poche righe, scritte in caps nel post originale, che il panificio ha utilizzato per chiamare a raccolta tutti coloro che non possono permettersi la fragranza del pane, il profumo di una pizza, il sapore di prodotti artigianali fondamentali.

Un messaggio che ha immediatamente riscosso il plauso di tantissime persone, che hanno commentato entusiaste quello che non è solo un gesto umano, ma è anche un esempio, purtroppo raro, di condotta solidale.

E allora, fra le tante storture che ogni giorno danno il via a discussioni su una città bella e dannata, un applauso e un sorriso vanno a coloro che hanno aperto le porte. Non solo quelle della propria putìa, ma anche quelle del cuore.

ARTICOLI RECENTI