IL SOGNO ROSANERO

HomeMagazineSport

Palermo: lo spettacolo continua

Tretatreesima giornata, 18 marzo 2004, Palermo-Venezia 4-0

  • 19 marzo 2004

Giovedì 18 marzo si sono giocate le partite relative alla tretatreesima giornata del campionato di Serie B, e per il Palermo è stata una serata magica…da ogni punto di vista. Chi ha avuto la fortuna di assistere alla partita contro il Venezia ha potuto ammirare un vero e proprio spettacolo…gol, occasioni, azioni a ripetizione, insomma tutto quello che ci si aspettava da una grande squadra come il Palermo e, forse, anche qualcosa in più. Il Venezia non ha avuto la possibilità di giocare: dopo un tiro sbilenco effettato dopo pochissimi minuti di gioco i veneti sono stati costretti a subire il monologo della formazione rosanero, durato per tutti i 90 minuti. Il primo dei 4 gol che hanno illuminato la serata lo realizza al 20° minuto il bomber Luca Toni che, come è ormai sua piacevole abitudine, sblocca il risultato con l’ennesimo colpo di testa su calcio d’angolo calciato da Corini; il pubblico gradisce, anche perché già da una decina di minuti il Palermo era andato vicinissimo alla segnatura. Ci si aspetterebbe una reazione da parte degli ospiti, ma non è decisamente la serata giusta per cercare di mettere i bastoni tra le ruote alla formazione guidata da Guidolin. Infatti, il Palermo continua a macinare gioco e a creare occasioni…fino a quando Emanuele Filippini non decide di mettere il suo personale sigillo al match, scoccando un bellissimo tiro dai 25 metri che si insacca sotto l’incrocio dei pali difesi dal portiere lagunare; un gol bellissimo, che l’ex giocatore del Parma festeggia “suonando a mo di chitarra” una bandierina del calcio d’angolo; esultanza che l’arbitro De Marco punisce con un’ammonizione che significa squalifica per un turno…una piccola macchia in una serata perfetta.



Serata che, dopo i 15 minuti di intervallo, continua a divertire il pubblico presente allo stadio Barbera: Corini e compagni, infatti, non commettono l’errore di accontentarsi del 2-0 e continuano ad attaccare senza freni. Toni è inarrestabile, sugli spalti dicono “…è una guerra..”, ed effettivamente l’attaccante rosanero tira in porta, colpisce due traverse, e tocca un’infinità di palloni per i compagni: uno di questi è un perfetto assist di testa per Andrea Gasbarroni che, a centro area, si libera della marcatura con un delizioso colpo di tacco e con il sinistro mette a segno il terzo gol. Un’altra perla da parte di uno dei giocatori più talentuosi di tutto il campionato destinato, forse, a vestire la maglia bianconera della Juventus…purtroppo. Ormai è una festa; i 22000 spettatori cominciano a fare un’interminabile hola pensando già al prossimo impegno dei propri beniamini; ma manca ancora qualcosa: manca ancora un gol, una rete che consente al “nostro” Luca Toni di segnare la sua diciannovesima rete e di diventare il nuovo capocannoniere della Serie B. Insomma, davvero una serata perfetta, perché il Palermo, approfittando anche dei risultati favorevoli provenienti dagli altri campi, si ritrova di nuovo da solo in vetta alla classifica ed è pronto a fare un altro passo verso la gloria: l’appuntamento è fra due giorni, domenica 21 marzo, ancora allo stadio Barbera, si gioca Palermo-Ascoli.

ARTICOLI RECENTI