CULTURA

HomeMagazineCultura

"Suona francese": la musica francese a Palermo

Un cartellone ricchissimo, che vedrà la partecipazione di tantissimi artisti, sia italiani che francesi e che si protrarrà fino a giugno

  • 4 maggio 2011

Un evento che coinvolge l’Italia intera, sia i “giganti” come l'Auditorium di Roma e il Teatro alla Scala fino a piccole associazioni musicali, in un percorso che, in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, copre tutte le regioni italiane, con concerti, master class e seminari che vanno da Aosta a Pantelleria: stiamo parlando di "Suona francese", festival di musica francese attuale che quest’anno giunge alla 4° edizione e vedrà la partecipazione di più di 500 artisti, dei quali oltre 400 italiani e un centinaio francesi. La manifestazione ha quest’anno come tema unificante la musica attuale, con particolare attenzione alla canzone francese. Organizzato con il patrocinio del Presidente della Repubblica italiana, dall’Ambasciata di Francia in Italia in collaborazione con L’Institut français e con il sostegno della fondazione Nuovi Mecenati e della SACEM (Société des Auteurs, Compositeurs et Editeurs de Musique), il festival prevede un calendario di appuntamenti anche nel capoluogo siciliano.



Si parte venerdì 6 maggio: alle 9, presso i locali del Dipartimento Fieri-Aglaia (via Divisi 81/83, Palermo) Massimo Privitera, docente di Storia della Musica dell’Università di Palermo, organizzerà una mattinata di studio sulla canzone francese dal titolo “Chansons/canzoni... Percorsi tra Francia e Italia” insieme a Julien Bassouls, direttore de Les Trois Baudets, e Giovanni Vacca. Alle 21 alla Sala Wenders del Goethe Institut (via Paolo Gili 4, Palermo) Les Trois Baudets, proporrà un concerto di Maud Lübeck e Nicolas Jules, per stimolare il confronto con altre culture e l’incontro con un pubblico nuovo. Lunedì 16, martedì 17 e mercoledì 18 maggio, presso il Teatro delle Balate (via delle Balate 5/7) alle 21 ecco in scena "SatiErikon - Fabulazioni su Erik Satie": un omaggio all’estroso artista francese frutto del compositore siciliano Mario Modestini.

Per la regia di Dario Ferrari, saranno sul palco Nina Lombardino e Dario Ferrari, al pianoforte Alberto Lo Cicero. Musiche di origine medioevale della Corsica, della Francia mediterranea e, inevitabilmente, della Tradizione siciliana con accenni alle pratiche improvvisative della ricerca attuale: questi gli ingredienti di "Meditrio+", concerto che si terrà al Museo delle Marionette Antonio Pasqualino (piazzetta Niscemi 5) sabato 21 maggio alle 21.15. Jean-Marc Montera (guitar table, elettronica), Julien Ferrando (clavicytherium), Jean-Michel Robert (tiorba, arciliuto), Gaia Mattiuzzi (voce), Alessandro Librio (violino), Adeline Lecce (violoncello), Lelio Giannetto (contrabbasso parlante) diletteranno il pubblico con musiche e improvvisazioni dal Rinascimento ad oggi a partire dalla tradizione orale corsa, provenzale e siciliana.

Un’altra serie di concerti venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 maggio, sempre al Museo delle Marionette Antonio Pasqualino, realizzati in collaborazione con l’Associazione Curva Minore: venerdì 27 alle 21.15 ecco il concerto “Suono... strappato al silenzio”, con Jean-Marc Montera, alla chitarra, Salvo Cuccia, che proietterà le immagini sonore e Lelio Giannetto al contrabbasso; alle 22 invece ecco impegnati alcuni musicisti del panorama siciliano delle pratiche improvvisative appartenenti a diverse generazioni, come i giovani polistrumentisti Davide Barbarino e Giuseppe Viola insieme ai più maturi Sandro Sciarratta (contrabbasso) e Pasquale Augello (batteria). Sabato 28 alle 21.15 ancora Jean-Marc Montera, questa volta insieme al compositore milanese Dario Buccino nel concerto “Corpo del suono”. A rendere ancora più straordinaria questa serata sarà l’originale esibizione in collegamento streaming audio-video con il teatro di Carcassonne in Francia: Michelle Riccozzi, della Compagnia di danza Skalen, prenderà parte all’evento danzando sulle musiche realizzate dal vivo a Palermo. Alle 22 un momento all’insegna delle chitarre (quelle di Gandolfo Pagano e Piero La Rocca) che insieme a Montera incroceranno i suoni di due visionari quanto diversi manipolatori di suoni a bassa fedeltà come Francesco Calandrino e Camillo Amalfi.

Domenica 29 maggio, dopo un set a partire dalle 21.15 in compagnia del giovanissimo violinista di Erice, Alessandro Librio, e la cantante non ancora 25enne di Merano ma già inserita nei circuiti internazionali Gaia Mattiuzzi, alle 22 si esibirà la Curva Minore workshop band. Inoltre, Jean-Marc Montera realizzerà un workshop tra il 20 e il 29 maggio, dove ogni segno d’espressione gestuale, sonora, poetica concorrerà a creare, un tessuto di relazioni capaci di sostenere il senso del suono, musicale o extra-musicale. Il lavoro affrontato nel corso del workshop vedrà poi la sua realizzazione nel concerto del 29 maggio, quando Jean-Marc Montera eseguirà un brano originale appositamente composto per l’ensemble Curva Minore Workshop Band (il workshop ha un costo di 100 euro intero, 50 euro per i soci di Curva minore).

Giovedì 9 giugno, al Teatro Gregotti dell’Università di Palermo alle 21.30 un assaggio di “western marsigliese” con Trucàtrois e Ariane Murcia, interpreti di un genere che oscilla tra canzone, slam e musica strumentale. Sabato 11 giugno al Nuovo Montevergini (piazza Montevergini 8) ecco l’iniziativa "Les Rendez-vous de la Lune in Italia": si tratta di un’idea semplice, artisti che suonano davanti ad un pubblico ristretto in un luogo intimo e originale. Nella location del Montevergini si esibiranno Babx e L. Ma non finisce qui. Uno degli elementi cardine della rassegna è la partecipazione dei Conservatori italiani: in particolare il Conservatorio di Palermo ha organizzato “I Venerdì di Francia”, in collaborazione con il Centre Culturel Français di Palermo.

I giovani allievi si esibiranno in tre luoghi simbolo della città legati alla Francia: venerdì 20 maggio presso il complesso monumentale Sant’Anna alla Galleria d'Arte Moderna (via Sant’Anna 21) alle 21; venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 maggio sarà possibile partecipare alla passeggiata “sonora” all’Orto Botanico (via Lincoln 2), una installazione che consentirà ai visitatori di seguire percorsi sonori che integreranno musica acusmatica, musica strumentale e panorama acustico della città di Palermo (sonorità della lingua, suoni della quotidianità e dell’Orto Botanico); venerdì 17 giugno alle 21 alla Cattedrale di Monreale ecco il concerto per organo di Poulenc e musiche di autori francesi e italiani. Tutti gli eventi che si terranno al Museo delle Marionette Antonio Pasqualino avranno un costo di 8 euro (prezzo intero) e 5 euro (ridotto).

ARTICOLI RECENTI