INIZIATIVE

HomeMagazineTurismo

Non solo surf e aperitivi: a Marsala l'idea di una "Factory" tra verde, musica e arte

Parte la campagna di raccolta fondi per l'apertura di un centro culturale indipendente a Marsala: intanto dal primo luglio concerti ed eventi aperti a tutti

Mohamed Maalel
Booklover compulsivo
  • 8 giugno 2018

Le saline di Marsala

Marsala è una città ricca di storia, architettura, natura, ottima cucina e sport. Per certi versi la città può sembrare timida ma è piena di potenzialità.

In suo soccorso arriva il “Marsala Factory”, la cui data di partenza è prevista per il primo luglio 2018, un luogo pensato come centro culturale indipendente dove poter unire espressioni artistiche e tecnologie diverse assieme.

Il progetto nasce dall’idea di Fiorella Bonifacio, artista eclettica che vive tra Roma e Marsala, che ha deciso di unire la realtà creativa di Roma con la tranquillità di Marsala, anche grazie alla preziosa collaborazione della sua famiglia: la mamma Lucia, la zia Madda ed il compagno Nino.

Bonifacio spiega che «L'idea è nata molto tempo fa, grazie alla precedente manifestazione contro la tv spazzatura dal titolo "Smonta il televisore e accendi un’idea" e alla mia trasmissione radiofonica su Radio Kaos Italy».

L’idea alla base, spiega ancora è «Riunire assieme tante forme culturali diverse, permettendo ad artisti e operatori culturali di esprimersi e di farsi conoscere in un luogo insolito». In che modo? «Con questo progetto gli artisti da ogni parte del mondo potranno arrivare a Marsala, alloggiare al b&b “Giardinello Stagnone Sunset” e, nello stesso posto, presentare le proprie opere artistiche».

Per chi deciderà di alloggiare nella struttura, ci saranno luoghi espositivi allestiti in particolari punti del giardino al coperto, laboratori di vario genere, tramonti musicali e aperitivi itineranti lungo la costa della riserva naturale orientata dello Stagnone, a bordo di un furgoncino camperizzato ed un piccolo Fab lab.

Non mancheranno le manifestazioni creative come “Smonta il televisore e accendi un’idea” e la mostra sul gruppo progressive rock “Banco del Mutuo Soccorso”.

Il progetto porta avanti un’ideale molto forte, ma per poterla realizzare c’è bisogno della mano di tutti: «Abbiamo la necessità di migliorare certi punti del giardino ed aggiungere una scala per arrivare nel terrazzo, dove si può ammirare un paesaggio straordinario».

«Sarebbe bello poter organizzare aperitivi e serate culturali godendo di questo panorama» conclude.

È stata avviata una procedura di crowdfunding sulla piattaforma Eppela: con i finanziamenti raccolti si potrà portare a termine il suo progetto. Un’ottima idea per una città che riparte dall’arte e per l’arte con un progetto su misura per tutti.

articoli recenti