Università

HomeFormazioneUniversità

Nuovi corsi, innovazione e progetti con l'estero: news dall'Università di Palermo

Le immatricolazioni prendono il via il primo agosto e i servizi digitali consentono la completa gestione online: è stato presentato il nuovo anno accademico di Unipa

Balarm
La redazione
  • 27 luglio 2019

Tante le novità previste per il nuovo anno accademico per gli iscritti di UniPa, i trendi dei dati degli iscritti sono in crescita per l'ateneo. Le immatricolazioni prendono il via dal 1 agosto e i servizi digitali consentono la completa gestione online. I test di accesso si svolgono a partire dal 2 al 14 settembre.

Tra le novità c'è l’offerta formativa che conta 131 corsi di studio di cui 9 interamente in lingua inglese e 51 a doppio titolo con Atenei stranieri. Sono di nuova attivazione 12 Corsi di Studio: Ingegneria edile, innovazione e recupero del costruito, Ottica e optometria, Nursing (interamente in inglese), Tecniche audio-protesiche e i Corsi di Laurea Magistrale in Transnational German Studies, Mediterranean Food Science and Technology e Ingegneria Biomedica.

Nelle sedi decentrate sono attivati i nuovi corsi in Architettura, Economia e Amministrazione Aziendale e Scienze dell’Educazione ad Agrigento, Scienze e Tecnologie Agrarie e Ingegneria Biomedica a Caltanissetta. È stato incrementato il numero di posti dei Corsi di studio ad accesso programmato in Economia e Amministrazione Aziendale (sede PA): 400; Scienze Biologiche: 300; Scienze e Tecniche Psicologiche 400; Lingue e Letterature - Studi interculturali: 400; Ingegneria Gestionale: 220; Medicina e Chirurgia: 400.

«I dati degli iscritti in continua crescita testimoniano una risposta positiva e concreta alla valutazione delle politiche sulla formazione e la didattica che abbiamo messo in atto negli ultimi anni – commenta il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Fabrizio Micari – Anche per il prossimo Anno Accademico presentiamo importanti novità, puntando su oltre dieci nuovi corsi di laurea, di cui quattro attivati nelle sedi decentrate e alcuni interamente in lingua inglese.

L’internazionalizzazione e l’idea che l’Europa inizi già nei luoghi di formazione sono temi su cui stiamo lavorando intensamente, UniPa è infatti uno dei 17 ‘Super Atenei’ Europei, che diventeranno campus inter-universitari per proporre agli studenti programmi di studi e moduli che inglobino diverse discipline in un’ottica di nuovo spirito accademico europeo tipico di un’Università che come la nostra si trova al centro del Mediterraneo e fa dell’accoglienza il suo principio cardine».

I nostri studenti avranno inoltre la possibilità di potenziare l’apprendimento delle lingue straniere con il software Rosetta Stone e di trovare tutte le informazioni e ricevere avvisi sulla propria vita universitaria tramite la nuova app MyUniPa. In tema di sostenibilità ambientale dell’Ateneo, su cui siamo da tempo particolarmente sensibili e attivi con iniziative come ad esempio l’attivazione del servizio navetta all’interno del Campus Universitario – conclude – è in fase di avvio il progetto PlaStop UniPa che prevede l’installazione di erogatori di acqua e le distribuzione di borracce alla comunità universitaria per rendere UniPa sempre più plastic free”

L’Università degli Studi di Palermo è partner del progetto FORTHEM "Fostering Outreach within European Regions, Transnational Higher Education and Mobility", presentato nell’ambito della call pilota del Programma Erasmus+. La Commissione Europea ha approvato solo 17 proposte per la realizzazione di super-Atenei comuni, istituiti in tutta Europa attraverso l’alleanza inter-universitaria promossa dall’UE, che vede il coinvolgimento di 114 istituti, di cui 11 Università italiane, di 24 Stati membri, con la finalità di condividere una strategia a lungo termine e promuovere valori e identità europei, per garantire coesione e rinnovata competitività dell’Unione.

Palermo è l’unico Ateneo del Sud insieme a Cagliari. Il partenariato di FORTHEM è costituito dalla Johannes Gutenberg-Universität Mainz (Germania), capofila del progetto, dalla Université de Bourgogne (Francia), dalla Universitat de València (Spagna), dalla Latvijas Universitātes (Lettonia), dalla Uniwersytet Opolski (Polonia), dalla Jyväskylän yliopisto (Finlandia) e dall’Università degli Studi di Palermo.

L’Ateneo propone i corsi di lingua online “Rosetta Stone Catalyst” per un apprendimento mirato, efficace e rapido delle lingue straniere. La licenza Catalyst (nella versione Bronze) offre 24 lingue per l'auto-apprendimento linguistico online. Il software analizza l'esigenza linguistica e organizzativa dell'utente e proporrà in automatico il programma/contenuto più adeguato allo studente. Dopo un placement test. Il programma sviluppa gli automatismi linguistici del subconscio e favorisce l’associazione a contesti di vita reale attraverso immagini e suoni, riconoscimento vocale, video e molte attività pedagogiche.

Inoltre, con l’esclusivo sistema di riconoscimento vocale, lo studente potrà ricevere un feedback immediato sulla sua pronuncia per imparare a parlare correttamente la nuova lingua.

L’Università di Palermo lancia MyUniPa, una nuova App con tutte le informazioni su: UniPa Card, esami, aule, piano di studi, biblioteche, offerte di lavoro, tirocini, ricevimenti, canali social, servizi di orientamento, accesso ai corsi di studio, servizi digitali. La novità principale riguarda la adozione di servizi di notifica push che permetterà all’Ateneo di inviare ai singoli studenti messaggi personalizzati per ricordare scadenze, appuntamenti, eventi e tante informazioni utili.

Tra i servizi per supportare gli studenti stranieri Unipa ha focalizzato l’attenzione sulla possibilità di agevolare il percorso di studio e di frequenza dei giovani richiedenti asilo o in possesso di protezione internazionale in ottemperanza a quanto previsto da l’articolo VII della convenzione di Lisbona. I richiedenti asilo sono cittadini migranti, ancora in attesa dell’esito della procedura di protezione internazionale, sono quindi in possesso di un permesso di soggiorno provvisorio.

L’applicazione del regolamento Alias finalizzato a garantire l’esercizio concreto del diritto all’identità di genere, quale elemento costitutivo del diritto fondamentale all’identità personale, e a creare un contesto universitario sereno, ispirato a principi di correttezza e reciproco rispetto della libertà e della dignità personale, è stato utilizzato da quattro studentesse e studenti che hanno avuto la possibilità di utilizzare un’identità ‘alias’ che corrisponde al proprio aspetto esteriore da utilizzare in ogni occasione in cui occorre essere riconosciuti.

Con l’obiettivo di diventare un Ateneo sempre più “plastic free” UniPa avvia il progetto “PlaStop UniPa” finalizzato alla riduzione dell’utilizzo della plastica monouso che prevede l’installazione, sia in aree esterne sia all’interno delle strutture, di erogatori di acqua naturale e frizzante collegati alla rete idrica e dotati di sistemi di filtraggio e controllo antibatterico e la distribuzione di borracce per incentivare la comunità universitaria ad abbandonare l’uso di bottiglie di plastica.

Il servizio di navetta, la cui attivazione è un traguardo considerevole che abbiamo fortemente voluto e che fa seguito alla stipula dell’atto di transazione con la concessionaria del servizio di parcheggio, è dedicato a studenti, dipendenti e visitatori, è totalmente gratuito e consente, in coincidenza con gli arrivi dei treni del servizio ferroviario metropolitano operato da Trenitalia, di raggiungere gli edifici posti all’interno del campus, sede di aule ed uffici.

L’itinerario si snoda lungo la viabilità interna del varco di via Brasa sino ai varchi di accesso al nodo “Basile” dove si attestano numerose linee di trasporto pubblico urbano offerte da AMAT. Il servizio è garantito da due bus a basso impatto ambientale, dotati di pedane mobili per disabili, che percorrono l’itinerario con una frequenza di 10 minuti e una copertura di 10 ore giornaliere, dal lunedì al venerdì.

Tutte le informazioni sono pubblicate sul portale di Ateneo.