ATTUALITÁ

HomeMagazineSocietàAttualità

Pagare e sorridere (forse): puoi usare il cashback anche per il bollo auto e le multe

Per i pagamenti delle multe è possibile ottenere un doppio vantaggio. Il programma entra ora nel vivo e si protrarrà fino al 30 giugno 2022. Vediamolo nel dettaglio

Balarm
La redazione
  • 5 gennaio 2021

Il programma entra ora nel vivo e si protrarrà fino al 30 giugno 2022. Dopo la prima fase chiusa il 31 dicembre, ecco quindi le altre tre della durata di sei mesi ciascuna: 1 gennaio 2021 - 30 giugno 2021, 1 luglio 2021 - 31 dicembre 2021, 1 gennaio 2022 - 30 giugno 2022.

A partire dal primo gennaio sono 50 le transazioni minime da effettuare ogni sei mesi per accedere al cashback del piano Italia Cashless, previsto fino al primo semestre del 2022.

Dal governo è arrivata dunque la conferma sulla possibilità di utilizzare il bonus cashback per pagare non solo l’assicurazione della propria auto, ma anche il bollo auto, le multe e altro che vi spieghiamo di seguito. L’unica condizione è che la spesa venga realizzata in un negozio fisico e non on-line.

I pagamenti, rigorosamente da effettuare con bancomat, carte di credito o di debito, devono avvenire perciò presso agenzie specializzate, tabaccherie, uffici postali o altri esercizi fisici che offrono questo servizio. Va da sè che dal rimborso siano esclusi i pagamenti online, anche quelli fatti tramite l’app IO.



Sarà possibile, inoltre, usufruire del rimborso pari al 10% della spesa sostenuta - nel mese di dicembre 2020 - anche per acquistare il carburante per la propria auto.

Possibile pagare il bollo auto usufruendo del bonus cashback, ovvero del rimborso fino al 10 per cento delle spese effettuate con carta di credito o debito o con bancomat, con un numero minimo di 10 transazioni necessari.

Considerando che in media il bollo si aggira sui 150 euro, si potrà ottenere un rimborso massimo di 15 euro. Andrà pagato presso le agenzie specializzate, tabaccherie, uffici postali o altri esercizi fisici che offrono questo servizio.

Un rimborso fino al 10 per cento della spesa anche per chi decide di pagare le multe sfruttando il bonus cashback. Anche le spese relative al pagamento delle contravvenzione legate a violazioni del Codice della Strada rientrano nel piano Italia Cashless.

Per i pagamenti delle multe è possibile ottenere un doppio vantaggio, all’automobilista verrà decurtato il 30 per cento per il versamento tempestivo entro il quinto giorno dalla ricezione, oltre al successivo rimborso del 10 per cento ottenuto grazie al bonus cashback che è di un massimo 15 euro per le spese superiori a 150 euro. Se il pagamento, invece, avviene dopo più di 5 giorni, si potrà ottenere soltanto il rimborso legato al cashback.

Anche le spese per la manutenzione della propra auto possono usufruire del bonus cashback, e dunque il rifornimento, così come il conto del meccanico o del carrozziere. È possibile anche detrarre gli acquisti effettuati per nuovi accessori per la propria auto o per il pagamento della prestazione di un professionista, ad esempio un perito.

Nel caso il cittadino non fosse già iscritto, per partecipare al programma deve prima di tutto risiedere in Italia e avere 18 anni e poi basta accedere al servizio tramite l’app IO, dopo aver scaricato e installato l’applicazione sul proprio smartphone o tablet compatibile.

Andare sul sito di IO per maggiori informazioni oppure registrarsi sugli altri sistemi messi a disposizione dagli 'Issuer Convenzionati”', cioè dai soggetti che emettono gli Strumenti di Pagamento elettronici che hai scelto per partecipare all’iniziativa e che hanno sottoscritto una convenzione con PagoPa S.p.A.

Al momento dell'adesione serve fornire: il Codice Fiscale, gli estremi identificativi di uno o più Strumenti di Pagamento elettronici che saranno utilizzati ai fini del Programma, il codice IBAN a intestato per l’erogazione dei rimborsi tramite bonifico.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI