CORONAVIRUS

HomeMagazineSaluteSanità

Quattro squadre al giorno per i vaccini a domicilio: la "fase 2" degli over 80 di Palermo

Tra le prime ultraottantenni palermitane a completare la vaccinazione antiCovid c'è Teresa Sapienza, 96 anni, insegnante di matematica alle scuole medie per più di 30

Balarm
La redazione
  • 15 aprile 2021

Teresa Sapienza, 96 anni, ha completato la vaccinazione antiCovid19

Quattro squadre al giorno, composte da due medici, per andare direttamente a casa dei pazienti ultraottantenni che hanno difficoltà a raggiungere gli hub.

La vaccinazione a domicilio, a cura dell’Asp di Palermo e della struttura commissariale, è partita a febbraio dai disabili gravissimi (3500 tra Palermo e provincia, di cui 1500 già vaccinati) e dagli ospiti delle Rsa o comunità alloggio (590 strutture censite di cui 500 già raggiunte dalle vaccinazioni a domicilio).

A marzo si è passati agli anziani over 80 che, da oggi, entrano nella fase due: la somministrazione delle seconde dosi di Moderna. Tra le prime ultraottantenni palermitane a completare la vaccinazione Teresa Sapienza, 96 anni, per più di trenta insegnante di matematica alle scuole medie.

Sono 3100 gli over 80 in lista per le vaccinazioni domiciliari nella sola città di Palermo. Di questi circa 800, tra cui anche caregiver, hanno ricevuto la prima dose di vaccino anti-Covid e, nelle prossime settimane, avranno la seconda.

Inizialmente, a Palermo, erano disponibili solo due squadre al giorno di medici vaccinatori a domicilio che riuscivano a effettuare all’incirca 40 somministrazioni quotidiane, per un totale di 200 a settimana.

Le squadre sono state ampliate a quattro nell’ultima settimana per raddoppiare le somministrazioni.

L’obiettivo, dopo l’ordinanza regionale del 31 marzo che prevede di coinvolgere nella vaccinazione domiciliare anche le Unità speciali di continuità assistenziale (Usca), è quello di avere a disposizione nove squadre al giorno a Palermo e potenziare quelle in provincia, con le Usca che continueranno comunque a occuparsi anche dell’assistenza domiciliare ai pazienti Covid.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI