NATURA

HomeMagazineSocietàAmbiente

Sembra di cera ma è un fiore: una bellezza (facile da coltivare) che parla anche siciliano

Basta uno sguardo per innamorarsi di questo fiore che sembra più una scultura: caratteristiche e curiosità di una pianta che potete far crescere anche a casa con facilità

Dario La Rosa
Giornalista
  • 13 maggio 2020

Un fiore di Hoya (foto Chesna da Pixbay)

Hai presente quando hai una cosa davanti ma stenti a credere ai tuoi occhi? Con la natura a volte succede, come in questo caso. Si chiama Hoya carnosa, è una pianta, ma anche e soprattutto un'artista della natura: i suoi fiori, infatti, sembrano essere fatti di cera.

Non è un caso che sia nota a tutti come pianta dai fiori di cera, una specie che ha anche a che fare con la Sicilia. L'associazione italiana che mette insieme gli appassionati di questa pianta è infatti stata fondata da due siciliani ed una ragazza sarda.

Di loro parleremo dopo, intanto godiamoci la bellezza di questa creatura incredibile. Abbastanza facile da coltivare e con oltre trecento varietà disponibili, l'Hoya è una pianta di origine asiatica, del nord del Pakistan, poi sviluppatasi anche in Australia e Giappone.

Ne avrete certamente vista qualcuna in casa di amici, se la volete potete prendere un ramo e farla propagare per talea, ovvero interrandola e aspettanto che il tronchetto della pianta madre faccia le radici. Viceversa potete acquistarne una o ordinare i semi di una delle tante varietà, in base ai fiori che vorrete ottenere.



Il periodo di questa straordinaria fioritura è variabile: ci sono alcune specie che fioriscono in piena estate ed altre in autunno o a inizio primavera.

«Ma attenzione a non raccoglierli - avverte Toti Bellavista, palermitano doc e mente dell'Associazione italiana Hoya -. Le spettacolari fioriture di questa pianta avvengono sempre dallo stesso peduncolo e raccogliendoli si perde la possibilità di avere altri fiori in breve tempo».

Si guarda ma non si tocca insomma, ma questo basta a mandare in estasi gli amanti della bellezza. Per gli appassionati della fotografia sono un toccasana. Questi fiori sono infatti perfetti per creare cartoline ma non solo.

«Oggi questa pianta si sta iniziando a studiare anche per le sue proprietà in campo medico e del benessere - continua Toti Bellavista - hanno infatti proprietà antinfiammatorie e antiossidanti che potrebbero portare alla creazione di prodotti con i loro estratti».

Insomma, è uno di quei casi in cui ci si può innamorare davvero a prima vista. Provare per credere.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI