AMBIENTE

HomeMagazineSocietàAmbiente

Sembra l'albero degli antenati di Avatar: "in volo" (sull'Etna) nei rami dell'Ilice di Carrinu

Circondato da un noccioleto, è il leccio più antico del Parco dell'Etna. L'età stimata è di oltre 700 anni. Eccolo in tutto il suo splendore ripreso da un drone in un video

Balarm
La redazione
  • 7 giugno 2021

Un minuto e 45 secondi in volo FPV (First Person View) dedicati ad uno degli alberi più incredibili che dimorano sull'Etna. Lo presenta così l'autore del video, realizzato con un drone autocostruito, che ci porta letteralmente dentro il maestoso Ilice di Carrinu.

A realizzare il suggestivo video è Emilio Messina, guida naturalistica e fotografo paesaggistico, che ha pubblicato il video su Facebook ricevendo numerosi apprezzamenti e commenti entusiasti.

C'è chi paragona l'albero a quello delle anime dell'universo immaginario di Avatar, il film di fantascienza diretto da James Cameron che si ispira a un glicine giapponese realmente esistente. Qui la "cascata color lilla" è sostituita da un altrettanto eccezionale "cascata" di rami dal fogliame di colore verde scuro.

L'Ilice di Carrinu è infatti un albero di leccio (Quercus ilex), che si trova a 937 metri all'interno del Parco dell'Etna, nel comune di Zafferana Etnea. Cresce su un suolo vulcanico, circondato da un noccioleto ed è il leccio più antico dell'Etna.



Nel 1982 il Corpo forestale dello Stato lo ha inserito nel patrimonio italiano dei monumenti verdi, forte di 22.000 alberi di notevole interesse, ed evidenziato tra i soli 150 di eccezionale valore storico o monumentale.

«Stare al cospetto di questo antico patriarca è davvero qualcosa di unico - spiega Emilio -. E utilizzo il termine "patriarca" non a caso perchè per questo esemplare è stata stimata un'eta di circa 700 anni.

Fino a metà del Novecento la zona in cui sorge l'albero era frequentata da contadini e carbonai, infatti non è raro trovare nelle vicinanze tracce di come si produceva una volta il carbone».

«Da guida naturalistica e da studioso - aggiunge - ci tengo sfatare un mito che purtroppo moltissimi articoli riportano in modo errato, parlando di questo albero vetusto si legge spessissimo dell'albero dai rami più lunghi al mondo, cosa assolutamente non vera.

Ci sono in natura esemplari di Ficus che hanno rami lunghi anche il doppio. In ogni caso è un albero di una maestosità unica, che è sopravissuto su uno dei vulcani più attivi al mondo e va salvaguardato alla pari di un monumento nazionale».

L'ilice può essere raggiunto da un sentiero pedonale che inizia a monte dell'abitato di Zafferana Etnea, dalla contrada Dagalone, e da una pista di proprietà del Corpo Forestale che inizia dalla borgata Caselle, nel comune di Milo.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

VIDEO RECENTI