MANIFESTAZIONI

HomeMagazineTurismo

Tra il barocco di Noto sboccia la primavera: l'infiorata 2019 è tra la Sicilia e l'America

Dopo l’edizione 2017 dedicata al Principato di Monaco, e quella 2018 alla Cina, l’attuale edizione 2019 dell’Infiorata accoglierà il tema dell’essere "Siciliani nel Mondo"

  • 18 febbraio 2019

Così è stato deciso: la 40° edizione della Infiorata di Noto ha come tema i siciliani che sono andati a vivere in America: dal 17 al 19 maggio la cittadella Barocca si trasforma in una gigantesca composizione floreale e il titolo della manifestazione è "Vieni ca ci cuntu - Storie di Sicilia in America".

Ogni anno la città di Noto, un piccolo comune in provincia di Siracusa, regala ai cittadini del mondo un appuntamento floreale impedibile, cavalcando una tradizione locale che va avanti da oltre vent'anni (guarda le fotografie dell'edizione 2018).

Si tratta del famoso "tappeto fiorito", srotolato in tutti i suoi meravigliosi colori accesi lungo la via Corrado Nicolaci ed è subito primavera grazie ai meravigliosi fiori che crescono rigogliosi nelle campagne netine.

Ogni anno la manifestazione è dedicata a valorizzare un tema diverso, al quale si ispirano i diversi bozzetti che compongono la celebre moquette di fiori realizzati da mastri fiorai locali. Come da tradizione, capofila è il bozzetto che rappresenta lo stemma della città di Noto.

Dopo l’edizione 2017 dedicata al Principato di Monaco, e quella 2018 alla Cina, l’attuale edizione 2019 dell’Infiorata accoglie il tema dell’essere "Siciliani nel Mondo".

Queste le parole del Sindaco Corrado Bonfanti, che si leggono nel comunicato stampa ufficiale dell’evento: «Per la prima volta nella storia, i Siciliani nel Mondo diventano il focus di una importante manifestazione. È un vero atto di amore e di pura riconoscenza: vogliamo dedicare la nostra prestigiosa Infiorata alle tante comunità di Siciliani nel Mondo, permettendo loro di abbracciare l’amata Sicilia e di raccontarci le loro esperienze di vita, la storia di tanti successi e di innegabili sofferenze».

«I bozzetti realizzati dai maestri infioratori netini, le mostre allestite, i workshop organizzati e gli spettacoli in programma saranno ispirati ai Siciliani che hanno affermato la propria esistenza vivendo tra il Canada e gli Stati Uniti d’America. Siciliani che da migranti sono diventati protagonisti di storie di successo».

Un vero e proprio omaggio alla Sicilia e alla “Sicilitudine” (come diceva Leonardo Sciascia), ma soprattutto un caldo ringraziamento dedicato a tutti quelli che questa Sicilia l’hanno lasciata, solo con la mente ma non anche con il cuore, per tentare la fortuna negli Stati Uniti, ed un invito rivolto queste persone a riabbracciare la amata Sicilia che li attende sempre con un caloroso "bentornati".

L’Infiorata quest’anno per la sua 40° edizione si svolge, come da programma, dal 17 al 19 maggio, mentre lo scorso sabato 2 marzo è stata presentata la grafica ufficiale della manifestazione e, sempre a fine marzo, l’evento sarà presentato anche a New York.

ARTICOLI RECENTI