MODA

HomeMagazineLifestyleModa

Vanessa Incontrada musa per i "dipinti" di Dolce&Gabbana: la bellezza morbida e sensuale

La nuova collezione si ispira alle opere d'arte di Pieter Paul Rubens che ha sempre dipinto delle donne formose e romantiche e sceglie l'attrice e showgirl della body positivity

Balarm
La redazione
  • 29 gennaio 2021

Sdoganata, faticosamente, l'idea della bellezza come sinonimo di magrezza (e purtroppo fin troppo spesso anche oltre la magrezza), Dolce&Gabbana hanno presentato la nuova offerta di taglie dalla 36 all 54, lanciando un messaggio chiaro.

E lo hanno fatto con una testimonial d'eccezione che delle sue forme e dei suoi chiletti in più ne ha fatto un vanto e un monito, Vanessa Incontrada, la showgirl e attrice amatissima dagli italiani e non solo.

Bella, procace, sensuale, potremmo definirla una influencer della body positivity avendo alle spalle una storia importante soprattutto per chi vive nel mondo dello spettacolo e dunque, se vogliamo, accora più soggetto ad attacchi e critiche da parte degli haters, ancora una volta porta avanti il messaggio che le donne sono belle anche se in pieno "peso forma".

Ma torniamo alla maison della moda, la campagna della nuova collezione di Dolce&Gabbana si ispira alle opere d'arte di Pieter Paul Rubens che ha sempre dipinto delle donne formose e romantiche.



Le immagini dello shooting hanno delle discalaie che non lascino spazio a interpretazioni: “Sinonimo di barocco, Pieter Paul Rubens è stato un maestro nel trasmettere morbidezza in ogni dettaglio".

Ed è così che è stata "dipinta" Vanessa Incontrada, con quei colori caldi e gli abiti preziosi, la seta rossa come i suoi capelli, le linee morbide, che superano stereotipi e vecchie concezioni della donna da copertina super magra o super fisicata.

La bellezza e la salute stanno nel giusto compromesso e questo vale la pena ricordarlo: il troppo non va mai bene né in un senso né nell'altro. Troppo magra o troppo grassa, al di la del gusto, dell'estetica, non vanno bene per una ragione ben più importante, la salute.

La taglia 36 non è stata eliminata dalle collezioni, ma da adesso tutti gli abiti della griffe verranno prodotti fino alla 54 italiana.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI