Fotografia e video

HomeInformagiovaniFotografia e video

Come si racconta "l'Immaginario arabo normanno"? Il contest tra social e arti visive

È in base ai like che verranno selezionate le opere: venti fotografie, dieci video e venti “creazioni”: si tratta della terza edizione del contest promosso dalla Fondazione Unesco

Annalisa La Barbera
Ospite
  • 5 settembre 2019

Una parte dell'itinerario Unesco arabo normanno di Palermo visto dall'alto

Libera la tua fantasia, immergila nella storia araba normanna della Sicilia e fanne arte. Riparte la terza edizione del contest “Immaginario Arabo-Normanno e le Cattedrali di Cefalù e Monreale” che vede come protagonisti la cultura e l’interesse per le bellezze storiche, architettoniche e paesaggistiche di cui la citta è ricca. Nessun limite d’età, di nazionalità, né di qualifica.

L’arte funge ancora una volta da ponte che unisce i popoli e ne eleva lo spirito di comunità viva. Fotografia, video, illustrazioni, libere creazioni artistiche. Spazio alla fantasia quindi, non vi sono limiti di materiali e tecniche, si può osare qualsiasi espressione che susciti prima l’interesse del popolo del web attraverso la votazione nei social network.

In base ai like ricevuti verranno così selezionate cinquanta opere: venti fotografie, dieci video e venti “creazioni” (pittura, disegno e altre forme artistiche).

Lasciatevi guidare dall’immaginazione, alza gli occhi e osserva l’arte che ti circonda. Sono questi gli elementi chiave che saranno oggetto del successivo giudizio della Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia che selezionerà un vincitore per ciascuna categoria. I file delle opere ricevute, inoltre, saranno selezionati e utilizzati per la realizzazione di un catalogo e faranno parte dell’allestimento di una mostra.

Per inviare la propria domanda c’è tempo fino al 13 ottobre 2019 , per partecipare basta accedere al sito dedicato al contest. Come le scorse edizioni è previsto un premio speciale “Community Unesco” rivolto alle scuole di ogni ordine e grado, all’Accademia delle belle arti, al Conservatorio, all’Università, ma anche alle scuole di danza e musica e alle associazioni culturali.

ARTICOLI RECENTI