METEO

HomeMagazineTerritorio

Accendete i termosifoni: arriva l'ondata di freddo con neve e pioggia su tutta la Sicilia

Martedì e mercoledì "grassi" di neve: le idi di febbraio sono gelide a Palermo e in Sicilia dove, tra i monti, si accumula neve già da qualche giorno: l'inverno è arrivato

Balarm
La redazione
  • 13 febbraio 2018

La Zisa di Palermo e monte Cuccio innevato (foto: Mauro Alessi)

Abbiamo avuto un fine settimana abbastanza freddo e che ha visto accumuli di neve a quote non esageratamente alte: l'inverno è arrivato in Sicilia e a Palermo con una prima, significativa, gelata.

Si è comunque allontanata la perturbazione artica che ci ha letteralmente inondati d'acqua ma che ha permesso appunto la permanenza della neve, soprattutto sulle Madonie: a Piano Battaglia ha al momento superato i 40-50cm anticipando la prossima apertura degli impianti, ma anche sui Nebrodi e sull’Etna (soprattutto versante nord dove si stimano intorno ai 60-70cm) dove gli impianti hanno già aperto.

La situazione per i prossimi due giorni vede l'arrivo di una colata artica nei giorni di martedì 13 e mercoledì 14 che mantiene le temperature fino a 5 o 6 gradi sotto le medie stagionali per buona parte della settimana.

Si tratterà della prima ondata fredda degna di questo nome per il 2018 e l’ottima notizia è che avremo nuove piogge e nevicate anche a quote medio-basse.

Martedì grasso, ultimo giorno di carnevale: il nucleo freddo e instabile in quota apporterà condizioni di maltempo diffuso un po’ su tutto il territorio regionale e in particolar modo sulla fascia tirrenica e occidentale, con rovesci e temporali, possibili fenomeni intensi, grandine compresa.

Nel pomeriggio i fenomeni diminuiscono ma in serata avranno carattere sparso tra palermitano e messinese tirrenico. Da segnalare la possibilità di grandi piogge – tra oggi e soprattutto domani – su tutta la fascia tirrenica, ma in particolare su palermitano occidentale e interno, trapanese e agrigentino.

Nevicate diffuse e abbondanti su tutto l’Appennino Siciliano, Etna e Monti Sicani con quota neve in rapido calo, inizialmente sopra i 1100/1300 metri, fino a 7/900 (più in basso) nel pomeriggio, anche 6-700 metri in serata (non si esclude più in basso in presenza di precipitazioni intense).

Venti da maestrale da moderati a forti lungo le coste. Mari tutti molto mossi o agitati, calmo lo Ionio sottocosta, mosso a largo. Temperature in deciso calo e non oltre i 10 o i 12°C sulla costa nord, intorno ai -14°C nella Sicilia orientale e sud orientale.

Mercoledì: tra mattina e pomeriggio verremo raggiunti da un secondo nucleo freddo, che porterà abbondanti precipitazioni a partire dal nord ovest della Sicilia.

I fenomeni potranno assumere carattere di rovescio o temporale con grandine e saranno accompagnati da colpi di vento che aumentano la sensazione di freddo.

Ancora nevicate abbondanti con simil bufere su Madonie, Nebrodi e Etna. Quota neve in rialzo sopra i 1000 metri nella prima parte di giornata, in calo fino a 700 metri circa in serata (anche 5-600 in nottata).

Venti moderati o forti dai quadranti occidentali e nord occidentali. Mari generalmente molto mossi, tendente ad agitato il Tirreno, più riparato lo Ionio sotto costa.

Temperature in ulteriore calo con minime rigide intorno ai 6 o 7° C anche sulla costa. Qualcosa in meno nelle pianure interne. Freddo intenso a partire dall’alta collina.

Per i giorni successivi continuerà il maltempo con molta probabilità anche nella giornata di giovedì ma per questo vi rimandiamo ai prossimi aggiornamentii.

articoli recenti