AMBIENTE

HomeMagazineTerritorioAmbiente

Colletta per comprare Isola delle femmine: la pazza (e vera) idea di un gruppo di donne

L'idea è quella di comprare l'isolotto attraverso un sistema di crowdfunding: un acquisto finalizzato alla sola certezza che l'isolotto resti tutelato per sempre

Alessia Rotolo
Giornalista
  • 14 febbraio 2020

Isola delle Femmine (foto Dario La Rosa)

Comprare un'isola dal fortissimo appeal simbolico con l'unico scopo di lasciarla in pace, e di non sfruttarla per fare business come è stato più volte paventato. L'isola in questione è alle porte di Palermo, verso Trapani, ed è Isola delle Femmine, messa in vendita circa un anno fa (ne abbiamo parlato qui) al prezzo di 3milioni e mezzo.

A distanza di un anno il prezzo si è abbassato a meno della metà e a volerla comprare è un gruppo di donne.

Ragazze e signore palermitane (ma anche non palermitane che hanno scelto la città per viverci per amore) attiviste e culturalmente impegnate, hanno prima avuto l'idea, poi pensato e progettato di acquistare l'isolotto abitato solo dai gabbiani e da altri uccelli.

Le donne che si sono costituite in associazione sono Stefania Galegati, Valentina Greco, Claudia Gangemi e Marcela Caldas: vogliono coinvolgere altre donne, tante altre, migliaia per capirci.

«Abbiamo pensato di chiedere una quota simbolica di dieci euro a donna e di comprare l'isola. - racconta l'artista Stefania Galegati - È da un anno che cerchiamo di capire come fare, siamo andate a parlare con gli uffici della Regione Siciliana, il Comune di Isola delle Femmine ma anche con la Lipu che usa l'isola come osservatorio nella riserva naturale per le varie specie di uccelli che la abitano.

Abbiamo anche assoldato una notaia, una tra le più giovani della Sicilia, e siamo in fase di studio. Dopo questa fase siamo pronte a costituirci in associazione e di procedere con il lancio della campagna di raccolta fondi».

L'associaizone ha per nome "Femminote", che sono le donne marinaie che commerciavano nello Stretto di Messina, protagoniste del romanzo "Horcynus Orca" dello scrittore italiano Stefano D'Arrigo.

«Ovviamente faranno parte dell'associazione solamente donne - continua Stefania - gli uomini potranno comprare una quota intestandola a una donna. Come artista ho realizzato dei video e dei dipinti a corredo del progetto, lo trovo bellissimo e molto poetico.

Su questo isolotto non vogliamo fare assolutamente nulla, è già una riserva naturale e va benissimo così, la nosta idea in barba a questo mondo capitalistico e che sfrutta le risorse naturali è quello di lasciarlo in pace, un gesto simbolico di fortissimo valore ideologico».

ARTICOLI RECENTI