MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

Dal Paramatta alle platee internazionali: il dj palermitano che ha vinto la sua scommessa

Pay One, Paramatta, Cerchio sono state le sue case per anni e oggi il sogno è diventato realtà: la chiamata della casa discografica di settore più importante al mondo

Tancredi Bua
Giornalista e autore
  • 28 maggio 2020

Dario Trapani e Leandro Da Silva

Il deejay e producer palermitano Dario Trapani ha appena firmato il suo primo contratto con l’olandese Spinnin’ Records, etichetta numero uno al mondo in ambito house-dance e da tre anni parte della grande famiglia di Warner Music Group. Il singolo è frutto di un lavoro a quattro mani con il produttore Leandro Da Silva, centotrentanovesimo tra i migliori 150 deejay al mondo secondo la classifica di DJ Magazine, e prenderà il nome di Because of You.

«Firmare questo contratto mi dà una bella carica – commenta Dario – ma mi mette davanti anche una grande sfida». Per Dario inizia tutto a fine anni Novanta, e poi con le prime esibizioni a inizio anni Duemila, tra il Pay One, il Paramatta (che ai tempi aveva cambiato nome in Xò) e i locali più grandi come Goa e Magazzini.

«Sono cresciuto con la musica anni Novanta e ho sempre avuto la passione per il deejaying. Ricordo distintamente che ogni volta che mio padre mi chiedeva cosa volessi per il compleanno io rispondevo: “Il giradischi”. E lui si domandava: “Ma perché proprio il giradischi?”. Poco a poco ho comprato l’attrezzatura che mi serviva, ho iniziato a raccogliere i dischi in vinile e a esibirmi alle feste tra amici.



La scena era completamente diversa da quella attuale, e sono passati poco più di quindici anni». Pay One, Paramatta, Cerchio, pian piano Dario ha iniziato a farsi conoscere nel giro delle serate: «È stata tutta una cosa in crescere: una volta che entri nell’ambito e ti fai conoscere, le discoteche le giri un po’ tutte. Tra il 2006 e il 2007 ero DJ fisso alla Baia del Corallo, al Goa, ai Magazzini, la consolle era una seconda casa».

Ma per Dario, che nel frattempo gestiva anche un programma il sabato e la domenica sull’emittente locale Radio Med, gli obiettivi erano cambiati.

«Avevo iniziato con le mie prime produzioni, e mandavo questi dischi a Leandro Da Silva. Leandro era uno speaker e deejay per m2o, aveva un programma tutto suo e si era già fatto un nome. Speravo che passasse i miei dischi in radio, un giorno mi ha finalmente notato e mi ha detto: “Mi piacerebbe che la tua musica uscisse tramite la mia etichetta discografica (la Black Lizard, ndr.)”. Ho iniziato a lavorare con lui, e anche per lui. Io sono anche un grafico, quindi fra le produzioni e l’ambito grafico ci siamo ritrovati con un bel lavorone in mano. Gestire una casa discografica è estremamente complesso».

Gli stessi ragazzi di Black Lizard hanno poi fondato Origami Management, un’agenzia con cui gestiscono artisti sempre nell’ambito house-dance, che aiuta a «spingerli» e farli crescere nel settore.

«Dal 2016 a oggi io e Leandro abbiamo sempre collaborato. Durante la quarantena abbiamo ultimato Because of You, la cui data d’uscita è stata fissata al 22 giugno, e abbiamo provato a mandarlo a Spinnin’ Records. Avevamo passato con altri dischi in passato, ma non ci avevano mai ascoltato. Stavolta ce l’abbiamo fatta, ed è stata una grande festa. Siamo riusciti finalmente ad arrivare a questo obiettivo – commenta Dario – . Leandro era già uscito qualche volta con Spinnin’ Records, ma per me è la prima volta in assoluto ed è un traguardo che ritenevo impensabile. Adesso lo considero un punto di partenza. Il lavoro si farà più duro, dovrò mantenere certi standard, ma non è una sfida che mi spaventa».

ARTICOLI RECENTI