ITINERARI

HomeMagazineTurismoItinerari e luoghi

È il posto da non perdere se vai a Favignana: tutte le info per visitare l'ex Tonnara Florio

Cultura, archeologia industriale e tradizioni marinare: l'ex Stabilimento Florio è uno dei poli museali tra i più estesi e prestigiosi del Sud Italia. Ecco tutte le info per visitarlo

Jana Cardinale
Giornalista
  • 8 agosto 2020

Ingresso dell'ex Stabilimento Florio a Favignana

È lì che la tradizione torna a vivere. Nello scrigno che dello "spettacolo" per eccellenza del mare di Favignana, conserva storie e segreti, memoria e speranze per il futuro.

L’ex Stabilimento Florio delle Tonnare di Favignana e Formica, polo museale tra i più estesi e prestigiosi del Meridione d’Italia, racchiude cultura, riti immutabili e sapienza che si tramanda da generazioni.

Splendido esempio di archeologia industriale, con all'interno uno spazio destinato a museo, sale multimediali e altri spazi per diversi eventi etno-culturali, l’Ex Stabilimento, emblema del florido passato della tonnara, è esteso per circa 32 mila metri quadrati.

Non era solo il luogo dove venivano custodite le attrezzature, le ancore e le barche della mattanza in quella che diventò una delle più fiorenti industrie di lavorazione conserviere del tonno - la «Regina del mare», la più produttiva d’Europa (con oltre 14 mila esemplari catturati nell’anno record del 1865) - ma rappresenta anche la storia della famiglia Florio e del suo intrecciarsi con la vita degli isolani, che trovarono riscatto sociale dalla povertà e fonte di sussistenza economica.



Lo stabilimento ha rappresentato, infatti, una straordinaria opportunità di lavoro per l’intero territorio, e la sua riapertura è puntualmente anche il simbolo del risveglio delle attività culturali dell’isola, che riporta il territorio al centro dell’interesse e dell’attenzione di studiosi, appassionati d’arte e dell’ambiente incontaminato che Favignana rappresenta, mettendo sempre in primo piano la tutela ambientale.

Sulla piattaforma internazionale izi.TRAVEL (equivalente al Tripadvisor dei beni culturali nel mondo) è possibile scoprire gratuitamente la storia e le collezioni dell'ex Ex Stabilimento Florio delle Tonnare di Favignana e Formica grazie alla voce narrante di due speciali ed autorevoli ciceroni: Maria Guccione e il compianto Sebastiano Tusa.

L'audio guida, suddivisa in diverse sezioni che ripercorrono l’impianto museale e storico dell'ex Stabilimento Florio, corredata da fotografie e video, è ascoltabile gratuitamente tramite app o direttamente consultando tramite tablet, pc o smartphone, il sito internet di iziTravel.

All'interno dell'audio guida è possibile ascoltare anche i racconti di Giuseppe Grangrasso, "zio Peppe" Nue, custode della Tonnara, oltre a frammenti audio della videoinstallazione Torino con le voci narranti degli ex operai dello Stabilimento Florio.

L’ex Stabilimento Florio delle Tonnare di Favignana e Formica assicura l’apertura a turisti e visitatori fino alla metà di ottobre.

Il suo staff, con esperienza pluriennale, accompagna quotidianamente i visitatori dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 17.00 alle 21.00, anche nelle quattro visite guidate di cui possono usufruire: quattro di mattina e quattro di pomeriggio, ai seguenti orari (10.30, 11.00, 12.00, 12.30 e 17.30, 18.00, 19.00 e 19.30).

All’ex Stabilimento si può accedere previa prenotazione scrivendo a exstabilimentoflorio@comune.favignana.tp.gov.it, o telefonando al numero 338 5365899.

All’interno del polo museale ha sede anche il Centro Recupero delle Tartarughe Marine dell’A.M.P. Isole Egadi, aperto al pubblico dal martedì alla domenica, con possibilità di visite guidate (prenotabili allo stesso numero) il martedì, mercoledì e giovedì (dalle 10.30 alle 13.00, con turni ogni mezz'ora) e il venerdì, sabato e domenica anche di pomeriggio dalle 17.30 alle 18.30.

Apprezzato il nuovo percorso per la divulgazione delle tradizioni marinare mediterranee consistente in un itinerario storico che accompagna il visitatore attraverso l’evoluzione del rapporto tra uomo e mare, partendo dallo scontro militare della battaglia delle Egadi tra flotte per il dominio del Mediterraneo, all’estrazione di risorse quali, naturalmente, il tonno rosso, alla salvaguardia delle specie protette tra cui la Tartaruga Caretta caretta, oggi simbolo della battaglia contro l’inquinamento marino e per la valorizzazione delle biodiversità.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI