CURIOSITÁ

HomeMagazineTerritorioAttualità

E la nave della Ong ha disegnato un cuore nel mare: la rotta della Ocean Viking

Diversi portali di Tracciamento del traffico marittimo hanno segnalato la rotta dell'Ocean Viking che, in navigazione tra Malta e Lampedusa, ha disegnato un cuore

Enrico Alagna
Medico e attivista
  • 24 agosto 2019

L'Ocean Viking, tra Malta e Lampedusa, ha disegnato un cuore nella sua traiettoria

La nave Ocean Viking che, da 12 giorni, è in stallo nel braccio di mare tra Malta e l'Italia, con 356 migranti a bordo, ha tracciato una rotta a forma di cuore in mezzo al Mediterraneo.

Per osservarla serve utilizzare un'applicazione, come Marine Traffic, che fornisce informazioni in tempo reale sui movimenti delle navi, una sorta di fotografia istantanea della rotta di un'imbarcazione. È possibile in taluni casi, anche osservare la rotta precedentemente percorsa dall'imbarcazione ed ecco così che appare il cuore.

Un atto dimostrativo, che ha richiesto quasi 3 ore di manovre, per chiedere «umanità» e un porto sicuro.

La manovra è iniziata poco dopo mezzanotte della notte scorsa, proprio mentre l’Open Arms attraccava al porto di Lampedusa e procedeva allo sbarco dei migranti, dopo la decisione della Procura di Agrigento. La Ocean Viking è la nave delle Ong Sos Mediterranee e Medici senza frontiere, che da più di 10 giorni staziona nella zona di mare compresa tra Linosa, a nord di Lampedusa, e Malta, in attesa di ottenere un porto sicuro per lo sbarco.

A bordo ha 356 migranti soccorsi in tre differenti operazioni in acque internazionali a poche miglia dalla Libia, di cui 103 sono bambini e minori. La Francia, nel dodicesimo giorno di stallo della Ocean Viking, ha promesso di accogliere un gruppo di persone, purché lo sbarco avvenga in uno dei porti più vicini alla nave.

Medici Senza Frontiere, intanto, ha ribadito con urgenza la richiesta di un porto sicuro per le 356 persone salvate nel Mediterraneo. ‘‘Il clima a bordo è sempre più teso. Uomini, donne e bambini continuano a vivere in uno spazio ristretto", ha raccontato Luca Pigozzi, medico volontario a bordo della nave.

La maggior parte dei sopravvissuti racconta di avere subito violenze in Libia e mostra i segni delle torture. Ci sono anche le vittime del conflitto armato in Libia, feriti di guerra che vengono curati nella clinica a bordo.

«Nel mezzo del Mediterraneo, con i giorni che passano quasi tutti uguali, le persone stanno perdendo la cognizione del tempo, faticano perfino ad identificare gli orari per mangiare o per pregare – ha spiegato Pigozzi – È difficile per loro capire ciò che sta accadendo, proviamo a spiegarlo con l'aiuto del nostro mediatore culturale».

La sera è uno dei momenti più delicati, ha raccontato: «Riuscire a trovare un posto sul ponte dove tutti possano dormire non è facile. Sono più di 10 giorni che 356 persone sono bloccate in mare. Questo è vergognoso oltre che disumano».

Un'Europa irresponsabile sta criminalizzando il soccorso in mare. Eppure, nonostante la propaganda sui porti chusi e il respingimento delle ong, la realtà ci dice un’altra cosa: la rotta mediterranea rimane la più navigata e la più letale al mondo. Il Mediterraneo è, ad oggi, il più grande cimitero del mondo.

Questo approccio è fuorviante e non è in linea con il diritto internazionale umanitario. Al contrario le politiche migratorie restrittive contribuiscono ad aggravare le vulnerabilità dei migranti e servono solo ad aumentare il traffico di persone. Si tratta di un tentativo politico europeo di criminalizzare gli attori umanitari che forniscono servizi salvavita indispensabili per proteggere la vita e la dignità degli esseri umani.

Questo clima di odio serve solo ad aumentare i sentimenti di razzismo e di xenofobia, dilaganti ormai nell’intera comunità europea.

ARTICOLI RECENTI