TEATRO

HomeMagazineCulturaTeatro

Il Teatro Libero riparte con 20 spettacoli: il cartellone della nuova stagione autunnale

Gli spettacoli in cartellone poggiano lo sguardo sull'uomo e sulle relazioni, sulle diseguaglianze, sugli ultimi e sui grandi temi dell’esistenza, sui giovani e sulle famiglie

Rosa Guttilla
Giornalista
  • 5 settembre 2020

Spettacolo teatrale "Il marinaio" con la drammaturgia e regia di Lelio Lecis

Il Teatro Libero riparte dopo il lockdown con coraggio per una stagione "autunnale" che prevede 20 spettacoli in cartellone e una riduzione degli spettatori pari a un terzo della sua capienza (di norma circa 130 posti).

Drammaturgia contemporanea e riscrittura dei classici sono i vertici su cui si fonda questo cartellone concentrato nei mesi che vanno da settembre a dicembre, in attesa di una svolta, positiva ci si asuspica, nelle disposizioni ministeriali in termini di contenimento del Covid-19.

Gli spettacoli in cartellone poggiano lo sguardo sull’uomo e sulle relazioni, sulle diseguaglianze, sugli ultimi e sui grandi temi dell’esistenza, senza dimenticare giovani e famiglie con spettacoli rivolti anche ai più piccoli.

«Nonostante la totale incertezza e una pandemia che sembra riprendere vigore – sottolinea il direttore artistico del Teatro Libero Luca Mazzone - proviamo a ripartire da dove c’eravamo fermati: dalla drammaturgia contemporanea, dall’autorialità e da un attento sguardo sulle sperimentazioni e sul teatro d’arte e soprattutto dalla scena contemporanea palermitana».



Questi i numeri della "stagione autunnale" del Libero per un teatro ritenuto "necessario" oggi più che mai: 20 spettacoli, di cui 5 produzioni, 5 co-produzioni e una produzione internazionale; e poi ancora 3 spettacoli per adulti e ragazzi.

Si comincia il 17 settembre, con repliche il 18 e 19, con "Bianca", di Sabino Civilleri e Manuela Lo Sicco. Lo spettacolo è uno scavo archeologico dell’universo femminile.

Il 24, e 25 settembre, "L’idiota" dal romanzo di Dostoewskj, di e con Corrado Accordino. Al centro della scena il Principe Myskin, personaggio enigmatico e affascinante mai uguale a se stesso.

L’1, 2 e 3 ottobre, "Mi ricordo", di Claudio Zappalà, coproduzione Teatro Libero e Barbe à Papà Teatro.

Il 6 ottobre (repliche 7, 8, 9, 10), "Aspettando Manon" di Alberto Milazzo e Luca Mazzone, tratto dal libro La morale del centrino.

Il 13, 14, 15, 16, 17 ottobre, "La merce più preziosa" di Jean-Claude Grumberg con la regia Beno di Mazzone.

Il 20, 21, 22, 23, 24 ottobre, "Il caos", quindi tratto dalle novelle di Pirandello con la drammaturgia e la regia di Domenico Bravo.

Per le famiglie, il 25, 26, 27, 28 ottobre (ore 17), "In bocca al lupo" di Marco Lucci. Il viaggio di una culla nel bosco alla ricerca della mamma e delle tante sorprese inaspettate che un bosco può riservare.

Il 29 e 30 ottobre "Clitennestra" di e da Marguerite Yourcenar con la regia di Isabella Caserta e Jana Balkan, coproduzione Teatro Scientifico/Teatro Laboratorio Verona.

Il 4, 5, 6 novembre si prosegue con "Giacomina" di Salvatore Cannova, coproduzione teatro Libero e Compagnia Fenice Teatri.

Dal 10 al 14 novembre "Un4tunate tales", liberamente ispirato alla novella “Il Cappotto” di Nicolaj Gogol, con la regia di Evgeny Kozlov, coproduzione Teatro Libero Palermo e Do Theatre.

Il 17,18,19 e 20 novembre "Il marinaio" da Fernando Pessoa con la drammaturgia e regia Lelio Lecis, (produzione Teatro Akròama Cagliari). Tre donne raccontano le loro pulsioni e storie che forse non hanno mai vissuto.

Il 24 e 25 novembre "Processo per corruzione" scritto e diretto da Piero Nuti e tratto da Cicerone, una produzione Compagnia Torino Spettacoli.

Il 26 e 27 novembre "Lunaria", produzione Lunaria Teatro Genova, con la regia di Daniela Ardini.

Dal 28 al 30 novembre "Il mio nome è nessuno", dall’Odissea di Omero, progetto e regia di Salvo Dolce.

L'1 dicembre "Il segreto di Dedalo" di Giorgio Boccassi, con la regia di Donata Boggio Sola (produzione Coltelleria Einstein Alessandria).

Il 2 dicembre "Cyrano" da Edmond Rostand, regia Pierpaolo Congiu, coproduzione Crab Teatro/Mulino ad Arte Torino.

Dal 3 al 5 dicembre "Echoes" di Lorenzo De Liberato, diretto da Stefano Patti (produzione 369 Gradi Roma).

Per le famiglie, (turno pomeridiano ore 17), dal 6 all’8 dicembre "Big Boom", di Vincenzo Costanzo e Marta Lunetta.

Si prosegue il 10, 11 e 12 dicembre con "Nuncafàder" di Ugo Giacomazzi (coproduzione Compagnia Giacomazzi / Sicurella – Teatro Libero Palermo).

Infine dal 17 al 19 dicembre "Rêver" di Andrea Saitta (coproduzione Compagnia Décalé / Teatro Libero Palermo).

«L'emergenza - ha dichiarato Mario Zito, assessore alle CulturE del Comune di Palermo - giustifica l'immediatezza della risposta degli enti e delle istituzioni ma bisogna evitare che si strutturi e con coraggio pensare al futuro con programmazioni di qualità. Noi istituzioni, ma anche i teatri e tutti i luoghi di cultura, abbiamo il dovere di rieducare il pubblico alla socialità serena e sicura».

Sono previste, come ogni anno delle promozioni per l'acquisto dei biglietti; tutte le varie possibilità sono consultabili su sito del Teatro Libero.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI