LETTERATURA

HomeMagazineCulturaLibri

La nuova icona di Sicilia è fritta nell'olio: Camilleri legge "Gli arancini di Montalbano"

Gli arancini del famoso commissario hanno scalzato la mafia dall'immaginario collettivo legato alla Sicilia: il maestro narra a voce alta il suo racconto più famoso

Dario La Rosa
Giornalista
  • 12 dicembre 2019

Se c'è un nome che, a diritto, è entrato a far parte del colorito mondo delle arancine e degli arancini siciliani e che ne è stato ambasciatore nel mondo negli ultimi anni, questo è certamente Montalbano con il suo creatore, il maestro Andrea Camilleri.

"Gli arancini di Montalbano", oltre ad essere uno dei racconti dello scrittore italiano più amato nel mondo e ad ispirare titoli di serie tv e ricette culinarie che fann gola a tutti i turisti, sono diventati una sorta di icona invisibile della Sicilia.

Se prima si pensava alla mafia quando si citava l'Isola, fra qualche anno è possibile che saranno proprio "Gli arancini di Montalbano" a farla da padrone nell'immaginario collettivo. E allora cosa c'è di meglio se non distendersi sul divano, magari dopo la consueta abbiffata di Santa Lucia a base di arancine, e ascoltare il racconto dalla stessa voce dell'autore?

Il racconto, che dona il titolo ad una raccolta di scritti brevi, è veloce e leggero: «Siamo a fine anno - leggiamo sulla descrizione del libro su Wikipedia - e il commissario riceve inviti da ogni parte per il cenone di Capodanno.



Dopo aver discusso con la fidanzata Livia e essersi rifiutato di andare a casa dei colleghi, rimane a Vigata con l'intenzione di accettare invece l'invito di Adelina, la signora che gli prepara i pranzi e gli sistema la casa, e dei suoi deliziosi arancini, tra l'altro contenta di poter festeggiare la fine dell'anno con i due figli che sono contemporaneamente ed eccezionalmente fuori di prigione.

Pasquale, uno dei figli di Adelina, è tuttavia sospettato di furto in un supermercato di Montelusa. Gli inquirenti, infatti, sembrano aver trovato il suo portafoglio sul luogo del furto. Montalbano è amareggiato più per il fatto che non potrà gustare gli arancini, che per la cattura di Pasquale.

Contattato il delinquente, Montalbano riesce a gettare luce, con i suoi soliti trucchi da commissario astuto, sulla vicenda. Il furto è stato compiuto in realtà da un'altra banda di malviventi, ed il povero Pasquale stavolta non c'entra davvero nulla. Una telefonata anonima agli inquirenti risolverà la faccenda e salverà la cena di Capodanno di Montalbano e quindi l'occasione di poter assaporare i prelibati arancini di Adelina».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

VIDEO RECENTI