STORIE

HomeMagazineCulturaMisteri e leggende

La Sicilia al tempo degli Emiri raccontata da Gaetano Basile: il video-racconto alla Zisa

Comincia dal racconto dell'architettura araba in Sicilia, il percorso all'indietro raccontato da Basile, il cantore contemporaneo che racconta storia e storie di Palermo

Balarm
La redazione
  • 23 novembre 2020

Per i palermitani, ma in generale per i siciliani, è l'aedo contemporaneo che racconta storia e storie con quel timbro rassicurante e sicuro che cattura come fosse il racconto di una fiaba: stiamo parlando di Gaetano Basile, giornalista e scrittore.

Nel video che vi proponiamo potete sentire direttamente dalla sua voce il racconto di come era la vita in Sicilia ai tempi degli Emiri, tema che affronta nel suo ultimo libro omonimo (Flaccovio Editore).

E non a caso la location scelta per parlarne è La Zisa.

Comincia dal racconto dell'architettura araba in Sicilia, per quanto proprio il Castello venne costruito in epoca normanna, il percorso all'indietro di Basile, con un viaggio nel passato condotto tra le pagine del libro grazie all'aiuto di alcuni "cronisti importanti" che vissero quell'epoca e che la raccontano all'autore e, di riflesso, ai lettori.

Un'occasione in più per scoprire - attraverso lo stile arguto e ricco dello scrittore, pieno di dettagli poco noti o del tutto originali - aneddoti non tramandati solitamente dalla storia, riflettendo sull’importanza che ha avuto la dominazione islamica (usualmente ma impropriamente definita “araba”) in Sicilia, influenzandone per sempre mentalità e cultura.

Non mancano poi, così come è nel Dna dell'Isola, il racconto di contaminazioni e origini di un connubio tra popoli che le hanno regalato quella ricchezza inestimabile che, ieri come oggi, si riversa in ogni aspetto culturale, dalla storia al cibo, dalle tradizioni alla lingua.

Oltre ad una serie di curiorità, per certi versi sorprendenti, tutte da scoprire.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

VIDEO RECENTI