LIBRI

HomeMagazineCulturaLibri

La Sinagoga perduta di Palermo: un libro racconta la storia dell’antica Meschita

L'autrice ha effettuato studi approfonditi giungendo all’individuazione di significative tracce architettoniche riconducibili all’impianto dell’antico quartiere ebraico

Balarm
La redazione
  • 22 giugno 2019

Via Meschita a Palermo

Dall’osservazione di alcune preesistenze venute alla luce nel 2011 - in occasione della realizzazione di un intervento edilizio privato sul tessuto storico urbano di Palermo - M. Eugenia Manzella autrice del libro "La Sinagoga perduta di Palermo: Storia e nuove scoperte sull’impianto dell’antica Meschita" (edito da Kalós), ha messo a frutto l’esperienza maturata sia sul territorio che presso gli archivi.

Su queste testimonianze di pietra e sul contesto in cui esse ricadevano ha effettuato studi approfonditi giungendo all’individuazione di significative tracce architettoniche riconducibili all’impianto dell’antico quartiere ebraico e della Sinagoga di Palermo distrutta dopo il 1492. La ricostruzione di un inedito assetto del cortile della Meschita e l’individuazione del sito dell’antica Sinagoga, cuore pulsante della comunità ebraica palermitana a partire dall’epoca normanna, offre un’immagine profondamente diversa di un quartiere di Palermo oggi alquanto trascurato, che vanta invece una storia antica meritevole di essere riproposta.

Il quartiere ebraico ricadeva nel nuovo insediamento di espansione urbana denominato “quartiere della Moschea”, dove dopo l’allontanamento dei musulmani gli ebrei si espansero e fondarono la loro Sinagoga – la «più grande e bella» tra quelle conosciute – che letteralmente scomparve quando, a partire dal XVII secolo, il complesso conventuale degli Agostiniani vi fu sovrapposto e le trasformazioni urbanistiche legate all’apertura della via Maqueda cambiarono per sempre l’antico volto della città.

ARTICOLI RECENTI