SANITÁ

HomeMagazineSalute

Accogliente e all'avanguardia: il nuovo reparto di chirurgia plastica al Policlinico

In occasione della commemorazione di Paolo Giaccone è stato inaugurato al Policlinico Universitario di Palermo il nuovo reparto di chirurgia plastica

  • 28 agosto 2017

Sono tante le volte in cui sentiamo parlar male delle strutture ospedaliere in Sicilia: fredde, poco accoglienti, caotiche e poco attente ai bisogni dei pazienti. I fatti ci consentono tuttavia di smentire quello che è ormai diventato un luogo comune nell'Isola e, più in generale, al Meridione.

In occasione della commemorazione del medico Paolo Giaccone, al Policlinico Universitario di Palermo, è stato inaugurato il nuovo reparto di chirurgia plastica. Accogliente, innovativo e all'avanguardia, il padiglione è dotato di 19 posti letto, in camere doppie, con bagno e doccia all'interno di ogni camera.

Nell'ottica di una maggiore attenzione al paziente, tutte le camere sono dotate di un sistema di climatizzazione gestibile in autonomia e di letti elettrici che il paziente può comandare mediante una tastiera integrata.

Il reparto è dotato di un punto giallo a piano terra con servizio di portineria per l'intera giornata, nel contesto di una ampia e confortevole sala d’attesa. Diversamente da com'era in passato, al primo piano è presente un'ampia sala d'attesa dotata di tutti i confort per pazienti e visitatori.



Al piano terra sono ubicati gli ambulatori per la chirurgia plastica generale, la chirurgia della mammella, l'oncologia della cute e della testa e del collo, il melanoma, la chirurgia della mano, il linfedema, ma anche un ambulatorio destinato esclusivamente a pazienti che necessitano della riassegnazione della identità di genere.

Trattandosi del Policlinico Universitario, non poteva mancare la forte attenzione verso i settori della ricerca e della didattica: nel reparto sono infatti presenti un laboratorio ultramoderno attrezzato per l'isolamento e la coltura di cellule staminali da tessuto adiposo, una biblioteca collegata anche con la sala operatoria mediante un sistema audio-video, un'auletta multimediale con dieci postazioni di computer collegati ad una lavagna luminosa per gli specializzandi.

ARTICOLI RECENTI