MUSICA

HomeMagazineCulturaMusica

"Intimate", viaggio nel jazz profondo di Chiara Minaldi

"Intimate" è il titolo del disco d'esordio della jazzista siciliana Chiara Minaldi: un album rappresentativo del viaggio jazz e della crescita personale dell'artista

  • 24 marzo 2014

Non importa se sia il primo o l'ennesimo di una lunga serie: per gli artisti il lancio del proprio disco è sempre un nuovo battesimo. È un po' come chiedere delicatamente "permesso" per entrare ancora una volta nella vita di chi già li conosce o bussare alla porta di chi, invece, non li ha ancora scoperti.

Affiancata da sempre dai migliori talenti della musica jazz e pop siciliana, Chiara Minaldi dà vita, insieme al pianista ed arrangiatore Mauro Schiavone, al suo primo lavoro discografico dal titolo "Intimate" acquistabile presso Gattuso musica, in via Francesco Laurana 143 a Palermo (è possibile richiederlo anche tramite la pagina Facebook dell'artista).

Agrigentina Doc ma palermitana d’adozione, Chiara è uno tra i giovani talenti più interessanti del panorama jazzistico siciliano. Dopo gli studi tra il conservatorio e il Brass Group di Palermo, ha intrapreso un’interessante carriera solista, ricevendo numerosi riconoscimenti in Sicilia e nel resto del paese. Ha vinto la borsa di studio come migliore cantante a Piazza Jazz 2010, è stata invitata come ospite all’Euro Bass Day di Verona cantando al fianco di artisti internazionali, ha ricevuto la menzione speciale per le qualità vocali e interpretative a Piacenza Jazz ed è stata selezionata come miglior talento femminile a Lucca Donna Jazz 2011.

Da diversi anni propone un repertorio jazzistico elegante e raffinato, che include gli standard e dedica grande attenzione alle “donne del jazz” ovvero grandi interpreti come Ella Fitzgerald, Billie Holiday, Sarah Vaughan, Dianne Reeves, che hanno rivoluzionato una musica nata tutta al maschile, dandole una nuova direzione che ha fortemente influenzato la vocalità del ‘900.

Il disco d'esordio della jazzista siciliana è un album dal suono dolce ed intimo, come il titolo stesso suggerisce, un viaggio interiore ricco di sfumature e suggestioni jazzistiche riportate negli arrangiamenti dei brani cult della musica pop e nei tre inediti composti dalla stessa vocalist: "Un’evidente stato d’animo", "The rain still falls" e "Try" e, nel caso di "Parting", dal contrabbassista Gabrio Bevilacqua, che in questo album la accompagna insieme alla batteria di Fabrizio Giambanco.

Dice Chiara Minaldi: «Intimate è il mio paesaggio vissuto, immaginato e quindi creato. Ogni brano è stato un luogo visitato e vissuto, lo specchio in cui mi sono riflessa. Intimate è il diario di bordo di un sogno condiviso con alcuni compagni importanti in una dimensione essenziale e acustica. Intimate è la colonna sonora del viaggio che io sono».

Scorrendo tra i brani si incontrano pop song come "River" di Joni Mitchell (primo singolo), "Teardrop" dei Massive Attack, "BlackBird" dei Beatles, "Until" di Sting (colonna sonora del film Kate & Leopold), "All i need", brani degli anni ’90 degli Air e "On the 4th of July" del cantautore James Taylor. Tutti i brani sono rivisitati e reinterpretati da Mauro Schiavone e dalla voce elegante e accattivante di Chiara Minaldi in una chiave decisamente “intima”, appunto.

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci...
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.
...e condividi questo articolo sui tuoi social:

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI