SPETTACOLI

HomeMagazineCulturaTeatro

Palermo diventa teatro en plain air: torna "Classici in strada" con l'Orlando Furioso

Le donne, le armi, gli amori ma anche il confronto Oriente/Occidente, la guerra, il dialogo tra religioni e la follia e l’amore per racconti, messe in scena e rappresentazioni

Balarm
La redazione
  • 31 maggio 2017

Anche quest'anno l'associazione Teatro Atlante, diretta da Emilio Ajovalasit e Preziosa Salatino, ha coordinato i laboratori teatrali e la regia degli spettacoli di una manifestazione giunta alla sua quarta edizione.

Da mercoledì 31 maggio a sabato 10 giugno torna i "Classici in Strada" che, dopo aver affrontato Omero, Virgilio, Eschilo ed Erodoto, si prepara ad allestire il tema dell’anno: "L’Orlando Furioso".

Le donne, le armi, gli amori ma anche il confronto tra le diverse culture di Oriente e Occidente, la guerra, il dialogo tra religioni, la follia e l’amore (visualizza il calendario delle iniziative).

Racconti, messinscena, performances e rappresentazione dei conflitti per la strada: sono coinvolti il Centro Santa Chiara, l'Istituto Comprensivo Nuccio/Verga, la scuola elementare Nicolò Garzilli, l'Istituto Comprensivo Marconi, l'Istituto Comprensivo Pino Puglisi e l'Istituto Comprensivo Politeama.



Ma non solo: è in programma anche una parata con spettacolo Itinerante, curata dagli studenti dei Licei e Istituti superiori Cannizzaro, Catalano, Croce, Garibaldi, Medi, Meli, Umberto, Vittorio Emanuele II, Ragusa Kyhoara.

Infine è prevista una rappresentazione speciale alla Casa di Reclusione Ucciardone: proprio qui i detenuti dell’Istituto porteranno in scena la lettura e libera messa in scena del "Don Chisciotte" di Cervantes (ingresso solo su inviti, informazioni a info@classicinstrada.eu).

Altri eventi importanti si svolgeranno fra le strade di Ballarò, dove la manifestazione è nata e saranno aperte al pubblico: si va in scena anche al Giardino delle rose in viale Lazio, sulla pedonale via La Masa e a Brancaccio.

Infatti il grande classico di Ludovico Ariosto verrà raccontato dalle le voci dei ragazzi e dei bambini della città e degli studenti grazie al supporto dell’Ufficio Scolastico Regionale-Ambito Territoriale Palermo, del Comune di Palermo, dall’Università e da tante scuole della città.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI