LIBRI

HomeMagazineCulturaLibri

Pizzino, “satira, spamming con sarde e affucanotizie”

  • 6 giugno 2007

Si potrebbe far altro nella vita quando si posseggono fantasia e talento: tentare la fortuna, rincorrere facili e numerosi applausi, accattivarsi sorrisi di convenienza sfruttando il genio che spiazza le menti narcisiste, spesso addette alla gestione di umani soldatini in fila. Insomma, poco ci vuole per far tutti fessi, soprattutto se manca una componente pericolosa: il coraggio. Quello fa la differenza, condizione essenziale per il salto in avanti che, però, non sempre è garanzia di successi, ancor meno di ricchezza e fama. Lo sanno bene Gianpiero Caldarella, Francesco Di Pasquale e Leonardo Vaccaro, ideatori del foglio satirico mensile “Pizzino”, sottomarino mezzo d’informazione, analista spietato di mafia e politica, oppositore indipendente al servizio di nessuno: “né pubblicità né padrini”. Nato nel 2005, in soli due anni di stampa ha già una storia da raccontare e un buon futuro da preannunciare. Ma procediamo per passi. L’ottimo progetto grafico, dato alla luce da tre trentenni di spirito letterario e indole sperimentale, sembra non concedere riposo. Il cartoncino rigido infatti, piegato in quattro parti, è un percorso di vignette e rubriche colorate e colorite che quasi osservano il lettore piuttosto che farsi scrutare. La “creatura” Pizzino non ti molla: come fosse uno scuoti coscienza scomodo ti invita ad intuire la realtà sociale con fare critico. Maltrattando un tema nuovo ogni mese - già il numero d’esordio lanciava il “Pizzo-day”, provocatoria proposta di “democratizzazione del racket” – i fatti scottanti dissotterrati dalla rivista sono stati numerosi: l’affare del ponte sullo stretto, le spiagge abusive ammattonate con cura, la malasanità, il potere della “munnizza”, tutti stretti dall’immancabile mafia, che per i valorosi autori sembra essere un chiodo fisso.

Adv
Col passar dei numeri poi si è sconfinata la possessiva isola. La faccia di Provenzano, divenuta zerbino sul lato del foglio che ogni mese è un poster da collezione, ha attirato le attenzioni della stampa nazionale. Citato anche da giornali e televisioni esteri (Tages Anzeiger, Tages Spiegel, il magazine “titel thesel temperamente”), Pizzino ha con orgoglio ricevuto nel 2006 il 34° Premio Internazionale della Satira Politica di Forte dei Marmi. Per il foglio scrivono e disegnano importanti firme siciliane e non, come Sergio Staino, Antonio Norato, Sergio Nazzaro, Andrea Camilleri; il numero degli abbonati (unico mezzo di sostentamento del giornale) ha raggiunto i cinquecento. Da marzo inoltre Radio24 ha affidato a Caldarella una rubrica di satira (“U Pizzinu”), e l’ultima buona nuova da far girare è l’uscita del numero zero di “M”, periodico in allegato all’Unità, creato da Sergio Staino con la collaborazione di Pizzino, che prima dell’autunno diverrà un settimanale. Nel chiederci come mai l’unica realtà satirica sicula di rilievo sia vista in Sicilia, citando uno dei suoi creatori, “un foglio semiclandestino”, scervellandoci su quali possano essere i motivi per cui, con elegante silenzio, molte edicole si siano rifiutate di esporlo, auguriamo a quest’idea lunga vita e grande pazienza, sperando che la satira riacquisti dignità in un paese che più volte, così come con la mafia, l’ha definita inesistente. Maggiori informazioni sul sito www.scomunicazione.it

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE