TEATRO

HomeMagazineCulturaTeatro

"Sacre-Stie": prima nazionale al Montevergini

In prima nazionale uno spettacolo dal tema scottante e attualissimo: la violenza, la depravazione, gli abusi sui minori da parte del clero

Condividi questo articolo via e-mail

* = campi obbligatori

La violenza, la depravazione, l’orrore, i maltrattamenti celati, gli abusi sui minori da parte del clero: argomento scottante e attualissimo quello affrontato nello spettacolo "Sacre-Stie”, che debutta in prima nazionale per il Palermo Teatro Festival al Nuovo Montevergini (piazza Montevergini, Palermo) e che andrà in scena venerdì 29 e in replica sabato 30 ottobre alle ore 21.15.

Scritto e diretto da Vincenzo Pirrotta, è la storia di un uomo, un prete, che ha vissuto tutta la sua vita a meditare la sua vendetta contro il cardinale, al tempo rettore dell’istituto dove era ospitato, che l’ha molestato da bambino: entra con la forza nella stanza dell’episcopio del cardinale, lo lega alla sua poltrona e lo costringe a ricordare tutte le violenze che ha subito per mano sua. Il racconto, che si sviluppa come un thriller, urla la denuncia, il ribrezzo, la crudeltà degli abusi subiti dai bambini, che la chiesa mette a tacere.

Con Filippo Luna, Alessandro Romano e Marcello Montalto, un racconto, come l’ha definito lo stesso regista, “a tratti atroce, ma necessario”. «Interpreto un ruolo - ha dichiarato Filippo Luna - che oltrepassa la soglia dell'umana comprensione, indossare i panni di un pedofilo è un'esperienza terrificante persino per un attore. Più volte ho avuto paura di non farcela. Ho dovuto lavorare molto su me stesso per dare voce e corpo a questa interpretazione, un lungo travaglio interiore che mi ha segnato dal punto di vista umano e professionale. Ma era necessario farlo per denunciare l'orrore che tanti, troppi minori continuano ancora oggi a subire. Il testo di Vincenzo Pirrotta è forte, provocatorio e straziante al tempo stesso, "Sacre-Stie" vuole squarciare il velo dell'indifferenza, il silenzio è complicità, la parola è l'unica arma di difesa». Il costo del biglietto è di 8 euro a prezzo intero, 5 euro ridotto per universitari e giovani fino ai 18 anni; è possibile acquistare i biglietti sul sito www.nuovomontevergini.com o presso il botteghino del teatro alle 20 del giorno dello spettacolo.

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL MESE