EVENTI

HomeMagazineCulturaTeatro

"Teatro del Fuoco": spettacoli, mostre e food per la decima edizione del festival

Il "Teatro del Fuoco" torna a Palermo con il grande show del 1 agosto, una mostra, un concorso letterario e progetti dedicati alla dieta mediterranea

Balarm
La redazione
  • 20 luglio 2017

Performance di una delle passate edizioni del "Teatro del Fuoco"

Il "Teatro del Fuoco", International Firedancing Festival, si svolge una volta l'anno in Sicilia, prima tra le isole del Mediterraneo e da alcuni anni in pianta stabile a Palermo. Il 2017 vede il Festival giungere alla sua decima edizione e strizzare l'occhio al food, alla letteratura e alla fotografia.

Il "Teatro del Fuoco" è un festival che si sdoppia in due formule: il Teatro del Fuoco Daylight, forma d'intrattenimento diurno che non prevede fuoco ma animazione di forte impatto visivo con costumi e acrobazie, e Teatro del Fuoco Show and Performances.

Per questo tipo di intrattenimento sono previste coreografie per i migliori artisti di danza, mimo, acrobatica e fuoco della durata di 60 e 20 minuti ognuna.

Dalla danza al canto, dal mimo al cabaret passando per tutte le arti espressive e acrobatiche: tante le discipline artistiche a scandire gli spettacoli e a diventare strumenti del Teatro del Fuoco, dell'espressione del corpo e dei gesti.



Non mancano le scenografie: centinaia i metri di rame si trasformano in imponenti sculture di fuoco che fanno da scenografia agli spettacoli realizzati da artigiani siciliani sotto la guida degli ideatori, provenienti dalla Nuova Zelanda.

Definito dalla rivista statunitense Forbes come uno tra i migliori dodici festival del mondo, il "Teatro del Fuoco" è stato fondato dalla giornalista e event planner palermitana Amelia Bucalo Triglia.

Ma parliamo intanto dell'edizione 2017 e dei festeggiamenti per il compleanno: martedì 1 agosto con uno show in data unica al Castello a Mare di Palermo (alle 21.30)

I biglietti, al costo di 33 euro (poltronissima), 25 euro (poltrona), 20 euro (poltroncina) e 15 euro (posto unico) e sono in vendita in tutti i punti vendita del Circuito Box Office Sicilia e online sul sito web del circuito.

Ma l'assessore regionale al Turismo, Antony Barbagallo, è intenzionato ad allestire un secondo show alle pendici dell'Etna.

A celebrare i momenti più emozionanti dei dieci anni appena trascorsi ci sarà una mostra fotografica itinerante: dieci scatti che, grazie alla maestria dei due fotografi professionisti Rosellina Garbo e Fabio Stassi, immortalano i momenti più emblematici delle passate edizioni.

La selezione delle immagini diventa così il progetto “Fuoco Sicilia - 10 anni di Emozioni con il Teatro del Fuoco”, allestito dal 21 giugno al 21 ottobre e visitabile gratuitamente in alcuni spazi della città.

Come Elementi Creativi, bene confiscato alla mafia a Cardillo, come alcune librerie del Cassaro di Palermo o ancora nell'isola di Favignana, all'Osteria Pane, Olio e Sale di Mascalucia, all'hotel Carasco di Lipari e al Berlingeri Resort.

Parte in contemporanea e termina il 21 settembre una seconda novità: la sezione dedicata al Food e alla dieta mediterranea. Grazie all’estro creativo di alcuni chef siciliani verranno creati dei piatti dedicati al Teatro del Fuoco che verranno serviti nei ristoranti partecipanti: Gigi Mangia di Palermo, da Filippino a Lipari, all'Officina Gastronomica Resort di Trapani, all'Osteria Pane Olio e da Sale a Mascalucia.

Fino al 30 ottobre invece i creativi, gli editori e gli scrittori potranno partecipare al concorso letterario che rappresenta la nuova sezione del Teatro del Fuoco: quella dedicata alla letteratura. Potranno infatti inviare progetti che sono in qualche modo legati all'elemento fuoco.

La compagnia internazionale del Teatro del Fuoco realizza show con diverse formule che in comune hanno la spettacolarità e il coinvolgimento: costumi, coreografie, sceneggiature e musiche diventano un modo per valorizzare il territorio.

Il "fuoco" è naturalmente la chiave di lettura: insieme ai suoi significati l'elemento è stato studiato nelle diverse civiltà e nei diversi campi della cultura, dell’antropologia, filosofia e scienza.

Si è infatti costituito un Comitato Scientifico formato dall’Osservatorio sul Territorio Isole Europee, Fondazione Ignazio Buttitta, Festival dell’omeopatia e scienze umane, Associazione culturale no profit Elementi, l’Istituto Italiano del Rame e la società di comunicazione Argomenti.

Poi un’esperta di comunicazione, un grafico, un viaggiatore e uno studente di nazionalità differenti iniziano a creare il Teatro del Fuoco: un prodotto che rappresentasse la forza della cultura italiana attraverso l’arte e con l’innovazione internazionale.

La prima edizione del festival si è svolta sul tema dell’Energia nel 2008, a Stromboli. Da allora, in questi dieci anni sono intervenuti cento artisti e oltre 80 aziende.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI