INIZIATIVE

HomeMagazineSport

Missione compiuta: partito da Palermo in gommone Sergio Daví è arrivato a New York

Si è rivelata un vero boom mediatico e durante la sua avventura ha ricevuto il supporto non solo dagli esperti di nautica ma da tutto il mondo

Giuliana Imburgia
Giurista e fashion addicted
  • 18 settembre 2019

L'arrivo di Sergio Davì a New York

É arrivato nella Grande Mela, nel porto di State Island, il 12 settembre scorso alle ore 11 di mattina ora locale.

Ad accoglierlo al suo arrivo a New York c’era il Console italiano e una grande festa alla quale hanno partecipato i tanti italo-americani e i numerosi siciliani in terra americana.

Con le sue 7000 miglia nautiche percorse in solitaria, il gommonauta palermitano Sergio Davì ha senz’altro scritto un’importante pagina nella storia della nautica mondiale. Ma non sono mancati gli inconvenienti durante il percorso (ne avevamo parlato qui).

«Ho tardato il mio arrivo di un giorno - racconta Sergio - perché ho dovuto aspettare che mi passasse sopra la testa l’uragano Dorian la notte tra il 6 e il 7 settembre».

«Arrivato negli Usa, infatti, mi sono dovuto spostare da un porto canadese ad un altro perché l’arrivo dell’uragano era imminente e mi sono dovuto adoperare per mettere il gommone al sicuro».

«Per fortuna con ben 12 cime legate tutte attorno, sono riuscito ad attraccare e a non ho subite danni».

L’"Ice Ribe Challenge" si è conclusa e come previsto al suo arrivo Davì ha consegnato la torcia della Pace, che portato con il suo gommone in giro per il mondo: partendo dalla Sicilia, alle Baleari, poi Spagna, Portogallo, Francia, Regno Unito e Irlanda e ancora Isole Faroe, Islanda, Groenlandia, per poi toccare il Canada e finalmente gli Stati Uniti.

«L’America mi ha riservato una accoglienza davvero strepitosa - continua Sergio - e a due giorni dal mio arrivo sono stato invitato dalle autorità locali a partecipare alla parata di San Gennaro a Little Italy».

L’esperienza di Sergio si è rivelata un vero boom mediatico e durante la sua avventura ha ricevuto il supporto non solo dagli esperti del mondo della nautica ma da tutto il mondo.

E adesso non gli resta che invertire la rotta tornare in patria, ma senza il suo fidato gommone.

«Adesso io tornerò in Italia in aereo - conclude Sergio - dove mi aspettano al salone nautico di Genova, mentre il gommone verrà imbarcato in una nave conteiner e farà anche lui il suo ritorno a casa».

«Prevedo di rientrare a casa in Sicilia a fine mese, e ho in programma di organizzare una bella festa con amici e parenti al mio ritorno».

ARTICOLI RECENTI